NADIR VOLUME 3

Shanghai, principale centro finanziario della Cina, si trova in una zona economica speciale. Asia - Estremo Oriente 5 Che cosa sono le zone economiche speciali ? Lungo le regioni costiere della Cina, soprattutto a sud-est, il governo cinese ha individuato alcune aree (le zone economiche speciali ) dove avviare un sistema economico di tipo occidentale. Qui, a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, sono state applicate condizioni particolari (basso costo delle materie prime, vantaggi fiscali) per attrarre aziende nazionali e straniere, con risultati molto positivi. Una grande potenza industriale Lo sviluppo del settore industriale, in atto in Cina da circa un quarantennio, è stato favorito dalle grandi risorse minerarie (ferro, rame, stagno, oro, piombo, argento e zinco) ed energetiche (carbone e petrolio), dal vastissimo mercato interno e dagli interventi del governo. I comparti principali sono quello siderurgico e metallurgico; sono diffusi su tutto il territorio stabilimenti tessili e alimentari; negli ultimi anni si è cercato di favorire la crescita di aziende elettroniche e meccaniche. L afflusso di capitali stranieri e le iniziative private hanno un peso sempre maggiore, specie nel settore della piccola e media industria. Il terziario e le comunicazioni Il settore terziario è in crescita. Il commercio ha seguito l espansione del settore industriale, ed è particolarmente sviluppato lungo le coste del Mar Cinese Meridionale e Orientale; anche il turismo, dopo l apertura della Cina all Occidente, si è maggiormente affermato: ogni anno molti stranieri visitano la capitale, la Grande Muraglia, i siti archeologici, i parchi e le bellezze naturali. Resta carente il settore dei trasporti e sono ancora insufficienti i collegamenti stradali nelle vaste regioni interne, anche se negli ultimi anni il governo ha investito grandi somme di denaro per la costruzione di infrastrutture. Un importante via di comunicazione è rappresentata dalla rete fluviale. Oltre il 50% delle merci viene infatti trasportato sui fiumi. Si calcola che la rete fluviale si estenda per ben 45 000 chilometri, collegando Pechino con le città del sud del Paese. Efficienti sono anche i collegamenti aerei, benché gran parte dei cinesi preferisca spostarsi in bicicletta: sono ben 300 milioni i mezzi a pedali che circolano sulle strade del Paese. 235 v3_unità5_142_251_ASIA.indd 235 26/02/18 09:14
NADIR VOLUME 3