In primo piano I problemi dell’industria

In primo piano I problemi dell industria La deindustrializzazione In generale, si assiste in tutte le economie avanzate a un calo del peso dell industria, in particolare per il numero degli addetti (Carta A). Si è parlato in proposito di deindustrializzazione. Questo processo è stato determinato soprattutto da due cause: dall applicazione del computer alla produzione, che ha consentito di sostituire in modo massiccio il lavoro dell uomo con quello delle macchine; dalla tendenza propria delle economie più forti a mantenere il controllo delle fasi decisive del processo produttivo (progettazione, ricerca, distribuzione ecc.) decentrando la produzione vera e propria nei Paesi arretrati dove il costo del lavoro è più basso e le leggi contro l inquinamento sono meno severe. Le parole della geografia Manganese / Manganese / Manganeso / Mangan / Mangan / / Elemento chimico presente in natura, di colore grigiastro, duro e fragile, simile al ferro nel comportamento chimico. usato nell industria metallurgica, vetraria e farmaceutica. L esaurimento delle risorse del sottosuolo A partire dall Ottocento, con la diffusione della rivoluzione industriale, il consumo dei minerali è aumentato vertiginosamente e, di conseguenza, è stata intensificata la loro estrazione dal sottosuolo. I minerali utili per la produzione industriale sono numerosi e distribuiti in modo irregolare sulla superficie terrestre. Essi sono concentrati in alcuni Stati come gli USA, il Canada, il Sudafrica, l Australia e la Russia. In questi Paesi si trovano giacimenti di ferro, rame, piombo, argento, oro, platino, uranio, bauxite, nichel, zinco, cromo, manganese, fosfati, ecc. A causa del prolungato sfruttamento delle risorse minerarie, i giacimenti stanno progressivamente esaurendosi. Risulta inadeguata anche la disponibilità d acqua (Carta B). Infatti, sebbene la Terra sia ricchissima d acqua, quella effettivamente utilizzabile è poca, specie l acqua dolce: rappresenta solo il 2,6% di tutta quella presente sul pianeta ed il 60% di essa è concentrato in una decina di Stati. Il risultato è che due miliardi di persone (quasi una su tre) non dispongono di acqua pulita in quantità sufficiente. Così ogni giorno 30.000 abitanti dei Paesi più poveri muoiono, direttamente o indirettamente, per mancanza d acqua. A. Le percentualI di occupati nell industria 1 2 3 meno del 10% dal 10 al 30% Bauxite / Bauxite / Bauxita / Boksit / Bauxit / / Roccia costituita da un miscuglio di minerali, da cui si ricava l alluminio. 102 v3_unità3_086_119.indd 102 dal 30 al 40% meno del 10% dal 10 aloltre 30% il 40% dal 30 al 40% dati non disponibili oltre il 40% dati non disponibili 1 Regno Unito: è un caso estremo di deindustrializzazione: la percentuale di lavoratori impiegati nell industria era nel 1970 pari al 35%, oggi è inferiore al 18%. 2 Italia e Germania: mantengono ancora un apparato industriale consistente, circa doppio rispetto a quello inglese. 3 Cina: la percentuale degli occupati nell industria era pari nel 1970 al 10% circa; oggi è più che raddoppiata. 26/02/18 08:59
In primo piano I problemi dell’industria