La popolazione urbana

La popolazione urbana UNITÀ 2 - Siamo troppi sulla Terra? Il processo di urbanizzazione Se consideriamo come città i centri con più di 20.000 abitanti, nel 1800 solo il 2,5% della popolazione viveva in una città. Nel 1950 la proporzione era salita al 30% e oggi, come sappiamo, ha appena superato il 50%. Si prevede che nel 2030 la popolazione urbana sarà il 60% del totale. (1) Nel 1950 sulla Terra esistevano 75 città con più di un milione di abitanti, oggi sono più di 400. Quelle con una popolazione superiore ai 4 milioni erano 11 e oggi sono almeno 60. I più alti tassi di urbanizzazione, complessivamente vicini all’80%, si presentano nei Paesi industrializzati. Da alcuni anni, però, i centri più grandi tendono a perdere popolazione. Intanto nei Paesi in via di sviluppo dell’Africa, dell’Asia e dell’America centro-meridionale, la popolazione delle città sta crescendo in media del 3% l’anno. In Africa, dove gran parte della popolazione è ancora rurale, le città potrebbero raddoppiare gli abitanti nel giro di 20 anni. (2) Fissa i concetti Dal 1800 a oggi, la popolazione mondiale che vive in una città è passata dal 2,5% a più del 50%. Nei Paesi in via di sviluppo, la popolazione delle città sta crescendo (e crescerà) a un ritmo sempre più sostenuto. Le parole della geografia Tasso di urbanizzazione / Urbanisation rate / Tasa de urbanización / Taksa urbanizimi / Rata de urbanizare / 都市化比例 / معدل التحضر Percentuale della popolazione che vive nei centri urbani, in rapporto al totale della popolazione di uno Stato. Come crescono le città nei Paesi in via di sviluppo? Per molto tempo le grandi città dei Paesi industrializzati hanno capeggiato la classifica dei centri con il maggior numero di abitanti. Oggi sono state superate da alcune città di Paesi in via di sviluppo: gli agglomerati urbani di Città del Messico, San Paolo del Brasile, Mumbai, Delhi e Calcutta (in India) sono più popolosi di quelli di Tokyo, Parigi e Londra. In questi Paesi il processo di urbanizzazione non è legato alla crescita delle attività industriali e terziarie, ma alla fuga dalle campagne verso le città di molti contadini in cerca di lavoro. Molte città sono sovraffollate perché devono assorbire un notevole incremento demografico naturale e un massiccio afflusso di immigrati. Ma alla crescita rapida della popolazione non si accompagna un adeguato sviluppo economico: infatti l’industria e il terziario non sono abbastanza sviluppati da offrire impiego ai nuovi arrivati. La fortissima crescita degli abitanti rende drammatica la mancanza di alloggi e costringe le famiglie più povere a vivere in zone periferiche ed emarginate, prive dei servizi pubblici essenziali (acqua potabile, fognature, raccolta dei rifiuti ecc.). Così si sviluppano sobborghi costituiti di baracche, detti bidonville, favelas, barriadas, secondo i luoghi. A. La popolazione urbana nel mondo nel 1950 B. La popolazione urbana nel mondo nel 2015 Lavoriamo insieme Confronta le carte tematiche A e B sulla popolazione urbana nel mondo nel 1950 e nel 2015. Nel 1950, quali erano le zone con la maggiore concentrazione di città popolose? Nel 2015, quali sono diventate le zone con la maggiore concentrazione di città popolose?
La popolazione urbana UNITÀ 2 - Siamo troppi sulla Terra? Il processo di urbanizzazione Se consideriamo come città i centri con più di 20.000 abitanti, nel 1800 solo il 2,5% della popolazione viveva in una città. Nel 1950 la proporzione era salita al 30% e oggi, come sappiamo, ha appena superato il 50%. Si prevede che nel 2030 la popolazione urbana sarà il 60% del totale. (1) Nel 1950 sulla Terra esistevano 75 città con più di un milione di abitanti, oggi sono più di 400. Quelle con una popolazione superiore ai 4 milioni erano 11 e oggi sono almeno 60. I più alti tassi di urbanizzazione, complessivamente vicini all’80%, si presentano nei Paesi industrializzati. Da alcuni anni, però, i centri più grandi tendono a perdere popolazione. Intanto nei Paesi in via di sviluppo dell’Africa, dell’Asia e dell’America centro-meridionale, la popolazione delle città sta crescendo in media del 3% l’anno. In Africa, dove gran parte della popolazione è ancora rurale, le città potrebbero raddoppiare gli abitanti nel giro di 20 anni. (2) Fissa i concetti Dal 1800 a oggi, la popolazione mondiale che vive in una città è passata dal 2,5% a più del 50%. Nei Paesi in via di sviluppo, la popolazione delle città sta crescendo (e crescerà) a un ritmo sempre più sostenuto. Le parole della geografia Tasso di urbanizzazione / Urbanisation rate / Tasa de urbanización / Taksa urbanizimi / Rata de urbanizare / 都市化比例 / معدل التحضر  Percentuale della popolazione che vive nei centri urbani, in rapporto al totale della popolazione di uno Stato. Come crescono le città nei Paesi in via di sviluppo? Per molto tempo le grandi città dei Paesi industrializzati hanno capeggiato la classifica dei centri con il maggior numero di abitanti. Oggi sono state superate da alcune città di Paesi in via di sviluppo: gli agglomerati urbani di Città del Messico, San Paolo del Brasile, Mumbai, Delhi e Calcutta (in India) sono più popolosi di quelli di Tokyo, Parigi e Londra. In questi Paesi il processo di urbanizzazione non è legato alla crescita delle attività industriali e terziarie, ma alla fuga dalle campagne verso le città di molti contadini in cerca di lavoro. Molte città sono sovraffollate perché devono assorbire un notevole incremento demografico naturale e un massiccio afflusso di immigrati. Ma alla crescita rapida della popolazione non si accompagna un adeguato sviluppo economico: infatti l’industria e il terziario non sono abbastanza sviluppati da offrire impiego ai nuovi arrivati. La fortissima crescita degli abitanti rende drammatica la mancanza di alloggi e costringe le famiglie più povere a vivere in zone periferiche ed emarginate, prive dei servizi pubblici essenziali (acqua potabile, fognature, raccolta dei rifiuti ecc.). Così si sviluppano sobborghi costituiti di baracche, detti bidonville, favelas, barriadas, secondo i luoghi. A. La popolazione urbana nel mondo nel 1950 B. La popolazione urbana nel mondo nel 2015 Lavoriamo insieme Confronta le carte tematiche A e B sulla popolazione urbana nel mondo nel 1950 e nel 2015. Nel 1950, quali erano le zone con la maggiore concentrazione di città popolose? Nel 2015, quali sono diventate le zone con la maggiore concentrazione di città popolose?