NADIR VOLUME 3

Popolazione e città UNITÀ 7 - Canada La distribuzione della popolazione Nonostante il Canada sia il secondo Paese al mondo per estensione, i suoi abitanti superano appena i 36 milioni, poco più della metà della popolazione italiana. Il clima spesso inospitale e la presenza di alti rilievi ostacolano infatti gli insediamenti, e la densità media è di soli 4 abitanti per km2. La distribuzione è irregolare. L’area più densamente popolata è quella situata al di sotto del 49° parallelo, lungo il confine con gli USA, mentre nei territori settentrionali si conta, in media, meno di un abitante per km2. Il tasso di urbanizzazione è molto elevato: oltre l’81% dei canadesi vive nelle città. Flussi migratori e composizione etnica Dalla fine dell’Ottocento, la popolazione del Canada è aumentata a causa dei flussi migratori provenienti da ogni parte del mondo. Fino alla Seconda guerra mondiale gli immigrati sono stati perlopiù di nazionalità inglese, mentre nel dopoguerra sono aumentati gli ingressi dagli altri Paesi europei e dagli anni Settanta quelli dai Paesi asiatici. Oggi l’immigrazione è regolamentata in modo più rigido, ma la crescita media annua si mantiene comunque di segno positivo (+1%). Il gruppo etnico-linguistico più numeroso è quello inglese (57,8% della popolazione), seguito da quello francese (22,1%), concentrato nel Québec. Sono ridotte a piccole minoranze le popolazioni originarie, tra le quali gli amerindi (2,2%), i meticci (1,3%) e gli inuit (0,2%). Indiani e meticci vivono in gran parte nelle riserve, dove furono confinati dai colonizzatori. Solo nel 1969, dopo le proteste delle diverse tribù, il governo ha ritirato dalle riserve i propri funzionari, che controllavano la vita dei nativi. Ancora oggi queste minoranze rivendicano maggiore autonomia e il rispetto dei propri diritti territoriali. Vancouver (2 504 300 ab. con l’aggl. urbano), principale porto canadese sul Pacifico, ha conquistato il titolo di migliore città del pianeta per qualità della vita in rapporto al benessere economico, all’ambiente naturale e all’organizzazione urbanistica. La sua popolazione ospita nutrite comunità di origine asiatica. Toronto (6 129 900 ab. con l’aggl. urbano), capoluogo dell’Ontario, è la città più popolosa e il primo centro economico del Paese. La sua posizione sui Grandi Laghi ne fa il principale porto commerciale. Ottawa (1 332 000 ab. con l’aggl. urbano), la capitale, sorge sul fiume omonimo. Ricca di aree verdi, è sede del Governo e del Parlamento federale, e importante centro culturale.
Popolazione e città UNITÀ 7 - Canada La distribuzione della popolazione Nonostante il Canada sia il secondo Paese al mondo per estensione, i suoi abitanti superano appena i 36 milioni, poco più della metà della popolazione italiana. Il clima spesso inospitale e la presenza di alti rilievi ostacolano infatti gli insediamenti, e la densità media è di soli 4 abitanti per km2. La distribuzione è irregolare. L’area più densamente popolata è quella situata al di sotto del 49° parallelo, lungo il confine con gli USA, mentre nei territori settentrionali si conta, in media, meno di un abitante per km2. Il tasso di urbanizzazione è molto elevato: oltre l’81% dei canadesi vive nelle città. Flussi migratori e composizione etnica Dalla fine dell’Ottocento, la popolazione del Canada è aumentata a causa dei flussi migratori provenienti da ogni parte del mondo. Fino alla Seconda guerra mondiale gli immigrati sono stati perlopiù di nazionalità inglese, mentre nel dopoguerra sono aumentati gli ingressi dagli altri Paesi europei e dagli anni Settanta quelli dai Paesi asiatici. Oggi l’immigrazione è regolamentata in modo più rigido, ma la crescita media annua si mantiene comunque di segno positivo (+1%). Il gruppo etnico-linguistico più numeroso è quello inglese (57,8% della popolazione), seguito da quello francese (22,1%), concentrato nel Québec. Sono ridotte a piccole minoranze le popolazioni originarie, tra le quali gli amerindi (2,2%), i meticci (1,3%) e gli inuit (0,2%). Indiani e meticci vivono in gran parte nelle riserve, dove furono confinati dai colonizzatori. Solo nel 1969, dopo le proteste delle diverse tribù, il governo ha ritirato dalle riserve i propri funzionari, che controllavano la vita dei nativi. Ancora oggi queste minoranze rivendicano maggiore autonomia e il rispetto dei propri diritti territoriali. Vancouver (2 504 300 ab. con l’aggl. urbano), principale porto canadese sul Pacifico, ha conquistato il titolo di migliore città del pianeta per qualità della vita in rapporto al benessere economico, all’ambiente naturale e all’organizzazione urbanistica. La sua popolazione ospita nutrite comunità di origine asiatica. Toronto (6 129 900 ab. con l’aggl. urbano), capoluogo dell’Ontario, è la città più popolosa e il primo centro economico del Paese. La sua posizione sui Grandi Laghi ne fa il principale porto commerciale. Ottawa (1 332 000 ab. con l’aggl. urbano), la capitale, sorge sul fiume omonimo. Ricca di aree verdi, è sede del Governo e del Parlamento federale, e importante centro culturale.