Videoclip Il “paesaggio culturale” di Sukur

Videoclip Il "paesaggio culturale” di Sukuir Sukur è un villaggio del nord-est della Nigeria, che ha mantenuto la sua primitiva identità. Sorto su un altopiano tra le montagne Mandara, vicino al confine con il Camerun, è un’eloquente testimonianza delle secolari tradizioni di una popolazione per la quale riti sacri, utilizzo del territorio e organizzazione sociale si integrano armoniosamente. Dal 1999 è uno dei Patrimoni dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO. In English, please! Listen to the videoclip “The cultural landscape of Sukur" on your e-book and mark the following sentences as true (T) or false (F). a) Sukur is one of Nigeria’s biggest towns. b) Sukur’s houses have a circular shape and are made with locai granite. c) One of the most important figures in the village is that of the Hidi, the sorcerer. d) Sukur has been important until the XX century as a centre for iron processing. L’intero villaggio è circondato da un basso muro di pietra. Il palazzo dell’Hidi, il capo politico e spirituale del villaggio, domina dall’alto della collina. Le case sono costituite da strutture circolari, semplici nella loro architettura, costruite con il granito locale, così come il palazzo dell’Hidi. Numerosi reperti testimoniano la presenza umana nell’area già nell’Età del Ferro. La lavorazione di questo metallo è stata per Sukur sempre molto importante; dal XVII secolo agli anni Sessanta del Novecento il villaggio rappresentava infatti la maggiore fonte di ferro della Nigeria. Sono ancora visibili fornaci e strumenti utilizzati per la lavorazione. All’esterno del villaggio si trovano campi terrazzati, non solo importanti per l’agricoltura ma anche densi di significati spirituali e ricchi di simboli sacri. Il cimitero, le cui tombe sono strutture semplici in pietra, si trova sulla collina e riproduce la struttura organizzativa sociale di Sukur; solo il corpo del capo del villaggio e quello dei bambini venivano cremati.
Videoclip Il "paesaggio culturale” di Sukuir Sukur è un villaggio del nord-est della Nigeria, che ha mantenuto la sua primitiva identità. Sorto su un altopiano tra le montagne Mandara, vicino al confine con il Camerun, è un’eloquente testimonianza delle secolari tradizioni di una popolazione per la quale riti sacri, utilizzo del territorio e organizzazione sociale si integrano armoniosamente. Dal 1999 è uno dei Patrimoni dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO. In English, please! Listen to the videoclip “The cultural landscape of Sukur" on your e-book and mark the following sentences as true (T) or false (F). a) Sukur is one of Nigeria’s biggest towns. b) Sukur’s houses have a circular shape and are made with locai granite. c) One of the most important figures in the village is that of the Hidi, the sorcerer. d) Sukur has been important until the XX century as a centre for iron processing. L’intero villaggio è circondato da un basso muro di pietra. Il palazzo dell’Hidi, il capo politico e spirituale del villaggio, domina dall’alto della collina. Le case sono costituite da strutture circolari, semplici nella loro architettura, costruite con il granito locale, così come il palazzo dell’Hidi. Numerosi reperti testimoniano la presenza umana nell’area già nell’Età del Ferro. La lavorazione di questo metallo è stata per Sukur sempre molto importante; dal XVII secolo agli anni Sessanta del Novecento il villaggio rappresentava infatti la maggiore fonte di ferro della Nigeria. Sono ancora visibili fornaci e strumenti utilizzati per la lavorazione. All’esterno del villaggio si trovano campi terrazzati, non solo importanti per l’agricoltura ma anche densi di significati spirituali e ricchi di simboli sacri. Il cimitero, le cui tombe sono strutture semplici in pietra, si trova sulla collina e riproduce la struttura organizzativa sociale di Sukur; solo il corpo del capo del villaggio e quello dei bambini venivano cremati.