Videoclip I souk di Marrakech

Videoclip I souk di Marrakech Souk significa semplicemente “mercato”, ma i souk nella tradizione araba rappresentano in realtà molto di più: da sempre sono infatti il centro degli scambi commerciali e della vita della città. A Marrakech i souk si trovano nel cuore della Medina.Da piazza Djemaa- el-Fna migliaia di bancarelle si snodano nei vicoli tortuosi, chiamati derb, inebriando i visitatori di colori, odori, suoni e musiche. In English, please! Listen to the videoclip “Souks of Marrakech” on your e-book and mark the following sentences as true (T) or false (F). a) The Arabic word souk means meeting place. b) Each souk is characterized by the type ofgoods being sold. c) Kilim are typical Berber carpets, used both as a home ornament or as a carpetfor prayer. Ogni souk è caratterizzato dalla tipologia di merce in vendita e da essa spesso prende il nome; ad esempio nel souk Zarbia si trovano i tappeti, il souk El-Kabir è specializzato in pellami, il souk El-Bradiia è pieno di anfore colorate e il souk Kimakhin è il luogo giusto per l’acquisto di strumenti a corda. Per riparare i visitatori dai raggi diretti del sole, spesso le vie dei souk sono protette da una copertura in legno, che permette alla luce di filtrare in modo più tenue, offrendo così una suggestiva atmosfera. In piazza Rabha Kedima si può ammirare il mercato dei kilim, tipici tappeti berberi realizzati in tessuto e utilizzati sia come ornamento per la casa sia come tappeto per il momento della preghiera. Ai colori, ai suoni e alle musiche dei souk si sommano gli aromi e gli odori speziati, di pellame, frutta o carne, oppure, come nel souk Sebbaghine, il souk dei tintori, della lana colorata con lo zafferano o con altre tinture naturali Tra gli oggetti tipici in vendita tra le bancarelle deisouk vi sono le babbucce; un infinita varietà di colori e fantasie di calzature in cuoio, cucite per tradizione rigorosamente a mano e indossate da uomini e donne sin dai tempi più antichi.
Videoclip I souk di Marrakech Souk significa semplicemente “mercato”, ma i souk nella tradizione araba rappresentano in realtà molto di più: da sempre sono infatti il centro degli scambi commerciali e della vita della città. A Marrakech i souk si trovano nel cuore della Medina.Da piazza Djemaa- el-Fna migliaia di bancarelle si snodano nei vicoli tortuosi, chiamati derb, inebriando i visitatori di colori, odori, suoni e musiche. In English, please! Listen to the videoclip “Souks of Marrakech” on your e-book and mark the following sentences as true (T) or false (F). a) The Arabic word souk means meeting place. b) Each souk is characterized by the type ofgoods being sold. c) Kilim are typical Berber carpets, used both as a home ornament or as a carpetfor prayer. Ogni souk è caratterizzato dalla tipologia di merce in vendita e da essa spesso prende il nome; ad esempio nel souk Zarbia si trovano i tappeti, il souk El-Kabir è specializzato in pellami, il souk El-Bradiia è pieno di anfore colorate e il souk Kimakhin è il luogo giusto per l’acquisto di strumenti a corda. Per riparare i visitatori dai raggi diretti del sole, spesso le vie dei souk sono protette da una copertura in legno, che permette alla luce di filtrare in modo più tenue, offrendo così una suggestiva atmosfera. In piazza Rabha Kedima si può ammirare il mercato dei kilim, tipici tappeti berberi realizzati in tessuto e utilizzati sia come ornamento per la casa sia come tappeto per il momento della preghiera. Ai colori, ai suoni e alle musiche dei souk si sommano gli aromi e gli odori speziati, di pellame, frutta o carne, oppure, come nel souk Sebbaghine, il souk dei tintori, della lana colorata con lo zafferano o con altre tinture naturali Tra gli oggetti tipici in vendita tra le bancarelle deisouk vi sono le babbucce; un infinita varietà di colori e fantasie di calzature in cuoio, cucite per tradizione rigorosamente a mano e indossate da uomini e donne sin dai tempi più antichi.