Marocco

Marocco UNITÀ 6 Il Marocco in breve Superficie: 442 311 km Popolazione: 33 348 955 ab. (stima 2015) Densità: 75 ab./km2 Capitale: Rabat (2 120 192 ab. con l'aggl. urbano) Lingua: arabo (ufficiale), dialetti berberi, francese Religione: musulmana Moneta: dirham Forma di governo: monarchia costituzionale Popolazione attiva: 12 447 000 Disoccupati: 9,8% PIL/ab.: 3079 dollari Speranza di vita: M 73; F 75 ISU: 126° Un territorio arido e montuoso Il Marocco si trova all’estremità occidentale dell’Africa mediterranea. Il suo territorio è montuoso e arido; vi si trovano quattro catene alpine: l’Anti Atlante, che digrada verso il Sahara, l’Alto Atlante con cime più elevate, il Medio Atlante a nord ed El Rif lungo la fascia costiera. Nella zona centrale si estende la Meseta, un altopiano fertile. Il solo fiume non soggetto a periodi di magra e parzialmente navigabile è l’Oum-er-Rbia. Il clima è mediterraneo lungo la costa e continentale all’interno. Popolazione e città La popolazione del Marocco è molto giovane: quasi l’80% ha meno di 38 anni; ciò è dovuto anche all’alto tasso di incremento demografico. Elevato è il flusso migratorio verso Francia, Spagna e Italia. La popolazione si concentra sulla costa atlantica, dove si trovano le città più importanti. Rabat (2 120 192 ab. con l’aggl. urbano), la capitale, è centro amministrativo, commerciale e sede di industrie tessili e di artigianato. Casablanca (3 359 818 ab. con l’aggl. urb.) sorge a pochi chilometri da Rabat; è il principale centro industriale e il porto più importante del Paese. Il Sahara Occidentale è uno Stato? Il Sahara Occidentale è una regione che si estende a sud del Marocco. Nonostante sia in gran parte desertico, dal punto di vista economico è interessante a causa della presenza di giacimenti di fosfati. Negli anni Settanta è stato occupato dal governo del Marocco, ma la sovranità marocchina non è stata riconosciuta dagli organismi internazionali. L’indipendenza dei territori occupati è rivendicata dal Fronte Polisario (che rappresenta il popolo sahariwi), sostenuto dalla confinante Algeria. Questo movimento indipendentista ha proclamato nel 1976 la nascita di una Repubblica araba democratica. Nonostante le recenti aperture del governo marocchino e le pressioni dell’ONU, il problema del Sahara Occidentale è ancora senza soluzione. I sobborghi della città di Fès, in cui si possono riconoscere le tipiche costruzioni berbere in pisé (terra cruda). Economia L’economia è in crescita grazie agli investimenti stranieri e ai risultati positivi del settore agricolo. Le principali coltivazioni sono quelle di cereali; destinati all’esportazione sono fiori, olive e primizie. Si allevano ovini e caprini e fiorente è la pesca. Il sottosuolo è ricco di fosfati, ferro, manganese, piombo e zinco. Scarseggiano invece le risorse energetiche, anche se recentemente sono stati scoperti giacimenti di gas. L’industria si basa su aziende metalmeccaniche, tessili, raffinerie di petrolio, impianti chimici, cementifici, manifatture di tabacco, oleifici, zuccherifici e conservifici. Il Marocco ha una ricca tradizione artigianale. Oltre ai pregiati tappeti, prodotti tipici sono il vasellame in rame, i gioielli, le terrecotte, i lavori in cuoio. Queste tradizioni sono talmente conosciute anche all’estero, che hanno addirittura meritato un nome: in Francia, vengono infatti definite “maroquinerie”, cioè marocchinerie, e “marocchino” è detto in Italia un particolare tipo di cuoio, molto morbido. Le parole della geografia Fosfati / Phosphates / Fosfatos / Fosfate / Fosfați / 磷酸鹽 Sostanze presenti in diversi minerali e utilizzati sopratt utt o nell’agricoltura come fertilizzanti. Lavoriamo insieme Leggiamo la carta Su quali mari si affaccia il Marocco? Con quali Stati confina? Che cosa separa il Marocco dalla Spagna?
Marocco UNITÀ 6 Il Marocco in breve Superficie: 442 311 km Popolazione: 33 348 955 ab. (stima 2015) Densità: 75 ab./km2 Capitale: Rabat (2 120 192 ab. con l'aggl. urbano) Lingua: arabo (ufficiale), dialetti berberi, francese Religione: musulmana  Moneta: dirham Forma di governo: monarchia costituzionale Popolazione attiva: 12 447 000  Disoccupati: 9,8% PIL/ab.: 3079 dollari  Speranza di vita: M 73; F 75 ISU: 126° Un territorio arido e montuoso Il Marocco si trova all’estremità occidentale dell’Africa mediterranea. Il suo territorio è montuoso e arido; vi si trovano quattro catene alpine: l’Anti Atlante, che digrada verso il Sahara, l’Alto Atlante con cime più elevate, il Medio Atlante a nord ed El Rif lungo la fascia costiera. Nella zona centrale si estende la Meseta, un altopiano fertile. Il solo fiume non soggetto a periodi di magra e parzialmente navigabile è l’Oum-er-Rbia. Il clima è mediterraneo lungo la costa e continentale all’interno. Popolazione e città La popolazione del Marocco è molto giovane: quasi l’80% ha meno di 38 anni; ciò è dovuto anche all’alto tasso di incremento demografico. Elevato è il flusso migratorio verso Francia, Spagna e Italia. La popolazione si concentra sulla costa atlantica, dove si trovano le città più importanti. Rabat (2 120 192 ab. con l’aggl. urbano), la capitale, è centro amministrativo, commerciale e sede di industrie tessili e di artigianato. Casablanca (3 359 818 ab. con l’aggl. urb.) sorge a pochi chilometri da Rabat; è il principale centro industriale e il porto più importante del Paese. Il Sahara Occidentale è uno Stato? Il Sahara Occidentale è una regione che si estende a sud del Marocco. Nonostante sia in gran parte desertico, dal punto di vista economico è interessante a causa della presenza di giacimenti di fosfati. Negli anni Settanta è stato occupato dal governo del Marocco, ma la sovranità marocchina non è stata riconosciuta dagli organismi internazionali. L’indipendenza dei territori occupati è rivendicata dal Fronte Polisario (che rappresenta il popolo sahariwi), sostenuto dalla confinante Algeria. Questo movimento indipendentista ha proclamato nel 1976 la nascita di una Repubblica araba democratica. Nonostante le recenti aperture del governo marocchino e le pressioni dell’ONU, il problema del Sahara Occidentale è ancora senza soluzione. I sobborghi della città di Fès, in cui si possono riconoscere le tipiche costruzioni berbere in pisé (terra cruda). Economia L’economia è in crescita grazie agli investimenti stranieri e ai risultati positivi del settore agricolo. Le principali coltivazioni sono quelle di cereali; destinati all’esportazione sono fiori, olive e primizie. Si allevano ovini e caprini e fiorente è la pesca. Il sottosuolo è ricco di fosfati, ferro, manganese, piombo e zinco. Scarseggiano invece le risorse energetiche, anche se recentemente sono stati scoperti giacimenti di gas. L’industria si basa su aziende metalmeccaniche, tessili, raffinerie di petrolio, impianti chimici, cementifici, manifatture di tabacco, oleifici, zuccherifici e conservifici. Il Marocco ha una ricca tradizione artigianale. Oltre ai pregiati tappeti, prodotti tipici sono il vasellame in rame, i gioielli, le terrecotte, i lavori in cuoio. Queste tradizioni sono talmente conosciute anche all’estero, che hanno addirittura meritato un nome: in Francia, vengono infatti definite “maroquinerie”, cioè marocchinerie, e “marocchino” è detto in Italia un particolare tipo di cuoio, molto morbido. Le parole della geografia Fosfati / Phosphates / Fosfatos / Fosfate / Fosfați / 磷酸鹽  Sostanze presenti in diversi minerali e utilizzati sopratt utt o nell’agricoltura come fertilizzanti. Lavoriamo insieme Leggiamo la carta Su quali mari si affaccia il Marocco? Con quali Stati confina? Che cosa separa il Marocco dalla Spagna?