In primo piano Sunniti e sciiti

In primo piano Sunniti e sciiti Una divisione tra gli islamici Alla morte di Maometto, nel 632, l'islam si divise in due diverse confessioni: i sunniti, che seguirono Abu Bakr, amico di Maometto e padre della sua prima moglie, e aggiunsero come libro sacro al Corano la Sunna (da qui il nome di “sunniti"), e gli sciiti, che appoggiarono Alì, il genero del Profeta, diventando “shiat Ali", cioè “il partito di Ali" (da cui “sciiti"). Gli sciiti rappresentano oggi solo il 10-15% di tutti i seguaci dell'islam, ma nella regione compresa fra il Libano e il Pakistan sono la metà della popolazione, circa 150 milioni. In particolare, in Iran costituiscono l'86% della popolazione. Altri Paesi a maggioranza sciita sono l'Azerbaigian (63%), il Bahrein (46%) e l'Iraq (62%). Attualmente c'è una forte contrapposizione fra gli Stati a maggioranza sciita e quelli a maggioranza sunnita, soprattutto tra l'Iran da una parte, l'Egitto, l'Arabia Saudita e la Giordania dall'altra. Geoinrete Dal punto di vista religioso, quali sono le principali differenze tra sciiti e sunniti? Che cos’è la Sunna? In quali Stati la divisione tra sciiti e sunniti è all’origine di tensioni interne? In quali Paesi, invece, l’appartenenza a una delle due diverse confessioni è causa di conflitti con gli Stati vicini? Cerca informazioni in rete e discutete poi in classe il risultato delle vostre ricerche. Il santuario di Fatima bint Musa, luogo sacro per gli sciiti, si trova in Iran, paese a maggioranza sciita. La moderna moschea di Al Saleh. È il più grande edificio di culto di Sana’a, capitale dello Yemen, ed è aperta a persone di ogni religione.. Stato Sciiti Sunniti Afghanistan 19% 80% Arabia Saudita 3% 93% Azerbaigian 63% 33% Bahrein 46% 24% Egitto - 89% Emirati Arabi Uniti 16% 80% Giordania - 95% Iran 86% 10% Iraq 62% 34% Kuwait 15% 59% Libano 29% 27% Oman 6% 8% Pakistan 20% 75% Qatar - 77% Siria 12% 74% Yemen 42% 58%
In primo piano Sunniti e sciiti Una divisione tra gli islamici Alla morte di Maometto, nel 632, l'islam si divise in due diverse confessioni: i sunniti, che seguirono Abu Bakr, amico di Maometto e padre della sua prima moglie, e aggiunsero come libro sacro al Corano la Sunna (da qui il nome di “sunniti"), e gli sciiti, che appoggiarono Alì, il genero del Profeta, diventando “shiat Ali", cioè “il partito di Ali" (da cui “sciiti"). Gli sciiti rappresentano oggi solo il 10-15% di tutti i seguaci dell'islam, ma nella regione compresa fra il Libano e il Pakistan sono la metà della popolazione, circa 150 milioni. In particolare, in Iran costituiscono l'86% della popolazione. Altri Paesi a maggioranza sciita sono l'Azerbaigian (63%), il Bahrein (46%) e l'Iraq (62%). Attualmente c'è una forte contrapposizione fra gli Stati a maggioranza sciita e quelli a maggioranza sunnita, soprattutto tra l'Iran da una parte, l'Egitto, l'Arabia Saudita e la Giordania dall'altra. Geoinrete Dal punto di vista religioso, quali sono le principali differenze tra sciiti e sunniti? Che cos’è la Sunna? In quali Stati la divisione tra sciiti e sunniti è all’origine di tensioni interne? In quali Paesi, invece, l’appartenenza a una delle due diverse confessioni è causa di conflitti con gli Stati vicini? Cerca informazioni in rete e discutete poi in classe il risultato delle vostre ricerche. Il santuario di Fatima bint Musa, luogo sacro per gli sciiti, si trova in Iran, paese a maggioranza sciita. La moderna moschea di Al Saleh. È il più grande edificio di culto di Sana’a, capitale dello Yemen, ed è aperta a persone di ogni religione.. Stato Sciiti Sunniti Afghanistan 19% 80% Arabia Saudita 3% 93% Azerbaigian 63% 33% Bahrein 46% 24% Egitto - 89% Emirati Arabi Uniti 16% 80% Giordania - 95% Iran 86% 10% Iraq 62% 34% Kuwait 15% 59% Libano 29% 27% Oman 6% 8% Pakistan 20% 75% Qatar - 77% Siria 12% 74% Yemen 42% 58%