Iran

Iran UNITÀ 5 L'Iran in breve Superficie: 1628763 km2 Popolazione: 78 143 644 ab. (stima 2014) Densità: 48 ab/ km2 Capitale: Teheran (8 154 051 ab.) Lingua: farsi Religione: islam (sciita, 86,1%; sunnita, 10,1%) Moneta: rial Forma di governo: repubblica islamica Popolazione attiva: 27 133 400 Disoccupati: 10,8% PIL/ab.: 4877 dollari Speranza di vita: : M 74; F 76 ISU: 69° Un altopiano desertico Il territorio dell’Iran è costituito da un altopiano desertico, circondato da catene montuose: i monti Elburz, a nord, e i monti Zagros, al confine con l’Iraq. I monti impediscono all’aria marina ricca di umidità di penetrare. Le numerose depressioni che si trovano all’interno si presentano perciò come veri e propri deserti, dove è quasi impossibile ogni forma di vita: il principale è il deserto sabbioso di Kavir, alle spalle dei monti Elburz. Sull’altopiano si trovano alcuni laghi, dalle acque poco profonde e salmastre. L’unica pianura di rilievo si estende lungo le rive del Golfo Persico. I fiumi hanno in genere vita breve, perché prosciugati dall’evaporazione. II clima è continentale all’interno, più mite sulle coste. La Valle delle Stelle sull’isola di Qeshm, nel sud dell’Iran. Vista di Teheran, capitale dell’Iran, dalla Torre Azadi, che ne segna l’ingresso occidentale. Il Paese più popoloso del Medio Oriente La popolazione iraniana è raddoppiata negli ultimi 30 anni, facendo dell’Iran il più popoloso dei Paesi del Medio Oriente (oltre 78 milioni di abitanti). Le maggiori concentrazioni si hanno nella capitale e nelle aree in cui la presenza di acqua rende possibile l’agricoltura. La capitale, Teheran (8 154 051 ab.), è situata a 1132 m di altitudine sulle falde dei monti Elburz. È al centro di vie di comunicazione ed è sede di industrie e di un’università. L’Iran si trova in una regione a elevata sismicità. Nel 2003 un violento terremoto si è abbattuto sulla città sudorientale di Bam, causando oltre 26 000 vittime. Un'economia di tipo agricolo A causa dell’aridità del territorio, l’agricoltura non soddisfa il fabbisogno della popolazione. Dove esistono sistemi di irrigazione, si producono cereali e barbabietole da zucchero. Lungo la costa del Mar Caspio gli impianti di desalinizzazione permettono di utilizzare l’acqua del bacino per irrigare i campi: qui si coltivano verdura e frutta che vengono esportate o destinate al mercato interno. Il cotone è la principale coltura industriale, e importante è la produzione del tè. L’allevamento delle pecore è alla base dell’artigianato dei tappeti (che rappresenta ancora oggi una voce significativa dell’economia iraniana) e delle pelli. La principale risorsa economica è il petrolio, di cui l’Iran è tra i maggiori produttori mondiali. Questa ricchezza ha permesso la creazione di importanti centri industriali. Lavoriamo insieme Leggiamo la carta Quali sono le principali catene montuose? Quali mari bagnano l’Iran? Dove si trova la capitale? Rovine di Persepoli, una delle capitali dell’antico impero achemenide. Si trova nei pressi dell’odierna Shiraz.
Iran UNITÀ 5 L'Iran in breve Superficie: 1628763 km2  Popolazione: 78 143 644 ab. (stima 2014)  Densità: 48 ab/ km2  Capitale: Teheran (8 154 051 ab.) Lingua: farsi Religione: islam (sciita, 86,1%; sunnita, 10,1%) Moneta: rial Forma di governo: repubblica islamica Popolazione attiva: 27 133 400  Disoccupati: 10,8% PIL/ab.: 4877 dollari  Speranza di vita: : M 74; F 76  ISU: 69° Un altopiano desertico Il territorio dell’Iran è costituito da un altopiano desertico, circondato da catene montuose: i monti Elburz, a nord, e i monti Zagros, al confine con l’Iraq. I monti impediscono all’aria marina ricca di umidità di penetrare. Le numerose depressioni che si trovano all’interno si presentano perciò come veri e propri deserti, dove è quasi impossibile ogni forma di vita: il principale è il deserto sabbioso di Kavir, alle spalle dei monti Elburz. Sull’altopiano si trovano alcuni laghi, dalle acque poco profonde e salmastre. L’unica pianura di rilievo si estende lungo le rive del Golfo Persico. I fiumi hanno in genere vita breve, perché prosciugati dall’evaporazione. II clima è continentale all’interno, più mite sulle coste. La Valle delle Stelle sull’isola di Qeshm, nel sud dell’Iran. Vista di Teheran, capitale dell’Iran, dalla Torre Azadi, che ne segna l’ingresso occidentale. Il Paese più popoloso del Medio Oriente La popolazione iraniana è raddoppiata negli ultimi 30 anni, facendo dell’Iran il più popoloso dei Paesi del Medio Oriente (oltre 78 milioni di abitanti). Le maggiori concentrazioni si hanno nella capitale e nelle aree in cui la presenza di acqua rende possibile l’agricoltura. La capitale, Teheran (8 154 051 ab.), è situata a 1132 m di altitudine sulle falde dei monti Elburz. È al centro di vie di comunicazione ed è sede di industrie e di un’università. L’Iran si trova in una regione a elevata sismicità. Nel 2003 un violento terremoto si è abbattuto sulla città sudorientale di Bam, causando oltre 26 000 vittime. Un'economia di tipo agricolo A causa dell’aridità del territorio, l’agricoltura non soddisfa il fabbisogno della popolazione. Dove esistono sistemi di irrigazione, si producono cereali e barbabietole da zucchero. Lungo la costa del Mar Caspio gli impianti di desalinizzazione permettono di utilizzare l’acqua del bacino per irrigare i campi: qui si coltivano verdura e frutta che vengono esportate o destinate al mercato interno. Il cotone è la principale coltura industriale, e importante è la produzione del tè. L’allevamento delle pecore è alla base dell’artigianato dei tappeti (che rappresenta ancora oggi una voce significativa dell’economia iraniana) e delle pelli. La principale risorsa economica è il petrolio, di cui l’Iran è tra i maggiori produttori mondiali. Questa ricchezza ha permesso la creazione di importanti centri industriali. Lavoriamo insieme Leggiamo la carta Quali sono le principali catene montuose? Quali mari bagnano l’Iran? Dove si trova la capitale? Rovine di Persepoli, una delle capitali dell’antico impero achemenide. Si trova nei pressi dell’odierna Shiraz.