Economia e società

Economia e società Regione britannica - Irlanda 5 Tra sviluppo e recessione Il terziario e le comunicazioni L Irlanda, che aveva un economia arretrata e basata sul settore primario, dopo l ingresso nell UE, avvenuto nel 1973, ha conosciuto una fase di rapido sviluppo, favorito dai contributi dell Unione e dai capitali stranieri. La crisi economica internazionale del 2008-2009 ha fatto però risentire gravi effetti sul Paese, che ha attraversato 3 anni di recessione. Oggi la situazione è in ripresa. Nel settore terziario, le attività principali sono rappresentate dal commercio internazionale, soprattutto con i Paesi dell UE e con gli USA, e dal turismo, che registra un numero sempre maggiore di presenze. Le comunicazioni ferroviarie e stradali, potenziate negli ultimi anni, sono discrete, così come le vie navigabili e i collegamenti aerei. Più sviluppati sono i traffici marittimi, sia di merci sia di passeggeri. Agricoltura e allevamento L agricoltura è una voce primaria nell economia irlandese, ma la ridotta superficie coltivabile (16% del totale) e la suddivisione in piccole proprietà terriere ostacolano la produttività. Le coltivazioni principali sono quelle di cereali, patate, barbabietole da zucchero e ortaggi, destinati soprattutto al consumo interno. Più redditizio è l allevamento dei bovini, favorito dall abbondanza di pascoli; grazie a questa attività, l Irlanda esporta carne, latte e prodotti derivati. Di rilievo è anche l allevamento di ovini, suini e cavalli, da corsa e da tiro. Meno importante è la pesca, rivolta alla richiesta interna. Risorse minerarie e industria La principale risorsa del sottosuolo è rappresentata dalla torba, un combustibile fossile che si trova in buone quantità in gran parte del Paese. Le altre risorse si limitano a giacimenti di piombo e zinco. Importante è stata la scoperta di metano. Tra le altre fonti energetiche, è attiva una grande piattaforma eolica marina, che soddisfa circa un decimo del fabbisogno energetico nazionale. Le industrie più tradizionali sono quelle tessile e alimentare (birra, whisky e zucchero). Negli ultimi decenni i capitali stranieri hanno permesso la nascita di raffinerie, industrie chimiche, elettroniche (l Irlanda è tra i primi produttori europei di personal computer) e farmaceutiche. In sviluppo è anche la produzione di tabacco e concimi. Le parole della geografia Recessione / Recessions / Recesi n / R nie / Recesiune / / Fase economica in cui un Paese, per un periodo superiore a sei mesi, produce una quantità di beni inferiore a quella che si avrebbe sfruttando in maniera efficiente le risorse produttive. Che cosa sono le torbiere? Un quinto del territorio irlandese è coperto da torbiere, vere e proprie miniere a cielo aperto . La torba è un carbone fossile, formatosi per la lenta decomposizione dei vegetali, avvenuta in un ambiente palustre. In Irlanda, per secoli è stato l unico combustibile per la gente delle campagne. Ancora oggi, molti contadini irlandesi raccolgono la torba a mano e la fanno essiccare per i mesi invernali. Lo sfruttamento incontrollato delle torbiere, che alimentano anche numerose centrali elettriche, ha ridotto drasticamente il patrimonio originario: si calcola che in 4 secoli le torbiere intatte siano rimaste circa il 13% di quelle originarie. Per questo, sono state create aree protette. Le parole della geografia Piattaforma eolica / Wind platform / Plataforma e lica / Platforma e er s / Platform eolian / / Impianto che sfrutta l energia del vento. 153 v2_unità5_BRITANNICA_134_157.indd 153 22/03/18 09:50
Economia e società