NADIR VOLUME 2

Gibilterra UNITÀ 2 All'estremità della Spagna Gibilterra si trova all’estremità meridionale della Spagna, di fronte alla costa africana. È formata da un piccolo promontorio roccioso, di 6,5 km2 di estensione, proteso nel Mediterraneo; l’altitudine massima è di 426 metri. La parte superiore della Rocca è occupata da una riserva naturale che ospita circa 600 specie vegetali diverse, e in cui fanno sosta numerose specie di uccelli migratori, tra cui le cicogne bianche. Il clima è di tipo mediterraneo, con estati calde e inverni miti. Popolazione ed economia I circa 33 000 abitanti vivono nella capitale. La lingua ufficiale è l’inglese, ma vengono parlati anche lo spagnolo, lo llanito (un dialetto locale) e l’arabo. Consistente è la comunità di lontane origini genovesi. L’economia di Gibilterra si basa sul commercio legato al porto marittimo, sulle industrie tessili e alimentari, sul turismo e sulle attività finanziarie. Un territorio inglese Occupata nel 1704 dalla Gran Bretagna, nel 1969 Gibilterra ottenne una maggiore autonomia, pur rimanendo sotto il dominio britannico. La Spagna ne rivendica il possesso, in quanto abitata per circa l’80% da popolazione di origine spagnola, ma in un referendum del 2002 quasi il 99% dei votanti ha espresso la volontà di restare sotto il governo britannico. Nel referendum del 2016, che ha manifestato l’intenzione degli inglesi di uscire dall’Unione Europea (vedi p. 148), la popolazione di Gibilterra ha votato al 95% per restare nell’UE, di cui fa parte dal 2000. Gibilterra in breve Superficie: 6,5 km2Popolazione: 33 140 ab. (stima 2014)Densità: 5089 ab/km2Lingua: inglese (ufficiale), spagnoloReligione: cattolica (72%), anglicana (8%), musulmana (4%)Moneta: sterlina di GibilterraForma di governo: territorio esterno del Regno Unito Che cosa sono le "colonne d'Ercole" Gibilterra è stata considerata nell’antichità come una delle due “colonne d’Ercole” (l’altra sarebbe il monte Hacho o il Jebel Musa, sulla costa del Marocco). Secondo la mitologia classica, l’eroe greco noto per le sue “dodici fatiche”, giunto a quelli che si ritenevano i limiti estremi del mondo, separò una montagna in due parti, che vennero poi chiamate “colonne d’Ercole”, e vi incise il motto nec plus ultra, cioè “non più oltre”, per ricordare agli uomini che il passaggio era vietato. Un monumento al cimitero ebraico di Gibilterra richiama simbolicamente le colonne d’Ercole.
Gibilterra UNITÀ 2 All'estremità della Spagna Gibilterra si trova all’estremità meridionale della Spagna, di fronte alla costa africana. È formata da un piccolo promontorio roccioso, di 6,5 km2 di estensione, proteso nel Mediterraneo; l’altitudine massima è di 426 metri. La parte superiore della Rocca è occupata da una riserva naturale che ospita circa 600 specie vegetali diverse, e in cui fanno sosta numerose specie di uccelli migratori, tra cui le cicogne bianche. Il clima è di tipo mediterraneo, con estati calde e inverni miti. Popolazione ed economia I circa 33 000 abitanti vivono nella capitale. La lingua ufficiale è l’inglese, ma vengono parlati anche lo spagnolo, lo llanito (un dialetto locale) e l’arabo. Consistente è la comunità di lontane origini genovesi. L’economia di Gibilterra si basa sul commercio legato al porto marittimo, sulle industrie tessili e alimentari, sul turismo e sulle attività finanziarie. Un territorio inglese Occupata nel 1704 dalla Gran Bretagna, nel 1969 Gibilterra ottenne una maggiore autonomia, pur rimanendo sotto il dominio britannico. La Spagna ne rivendica il possesso, in quanto abitata per circa l’80% da popolazione di origine spagnola, ma in un referendum del 2002 quasi il 99% dei votanti ha espresso la volontà di restare sotto il governo britannico. Nel referendum del 2016, che ha manifestato l’intenzione degli inglesi di uscire dall’Unione Europea (vedi p. 148), la popolazione di Gibilterra ha votato al 95% per restare nell’UE, di cui fa parte dal 2000. Gibilterra in breve Superficie: 6,5 km2Popolazione: 33 140 ab. (stima 2014)Densità: 5089 ab/km2Lingua: inglese (ufficiale), spagnoloReligione: cattolica (72%), anglicana (8%), musulmana (4%)Moneta: sterlina di GibilterraForma di governo: territorio esterno del Regno Unito Che cosa sono le "colonne d'Ercole" Gibilterra è stata considerata nell’antichità come una delle due “colonne d’Ercole” (l’altra sarebbe il monte Hacho o il Jebel Musa, sulla costa del Marocco). Secondo la mitologia classica, l’eroe greco noto per le sue “dodici fatiche”, giunto a quelli che si ritenevano i limiti estremi del mondo, separò una montagna in due parti, che vennero poi chiamate “colonne d’Ercole”, e vi incise il motto nec plus ultra, cioè “non più oltre”, per ricordare agli uomini che il passaggio era vietato. Un monumento al cimitero ebraico di Gibilterra richiama simbolicamente le colonne d’Ercole.