NADIR VOLUME 2

Unità 5 - Regno Unito Popolazione e città STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Il Regno Unito ha oltre 65 milioni di abitanti. Gli abitanti si concentrano nel centro e nel sud del Paese, dove si trovano le grandi città industriali. La densità media è piuttosto elevata: 271 abitanti per km1. Gli stranieri che abitano nel Paese sono quasi 5 milioni e mezzo. Si tratta in gran parte di polacchi e di persone provenienti dalle ex colonie (soprattutto India e Pakistan). La lingua ufficiale è l'inglese. La religione più diffusa è quella anglicana. Oltre l'82 per cento degli inglesi vive nelle città. Molti centri superano i 100 000 abitanti, e ci sono diverse metropoli. Manchester è una delle più importanti città industriali inglesi. Edimburgo è il capoluogo della Scozia. La capitale del Regno Unito è Londra, che sorge sul Tamigi a 60 chilometri dal mare. Che cosa significa? Metropoli: città di grandi dimensioni e molto importante dal punto di vista economico o artistico. PROVA TU 1. Dove si trovano le grandi città industriali inglesi? ... 2. Qual è la religione più diffusa nel Regno Unito? ... 3. Qual è il capoluogo della Scozia? ☐ Londra ☐ Edimburgo ☐ Manchester Economia e società Un quarto del territorio inglese è destinato all'agricoltura, che non riesce però a soddisfare il fabbisogno del Paese. Le coltivazioni più importanti sono quelle di cereali, patate e barbabietole da zucchero, ortaggi. I boschi forniscono buone quantità di legname. L'allevamento più diffuso è quello ovino, ma importante è anche quello di bovini e suini. La pesca, soprattutto di aringhe e merluzzi, è una grande risorsa: il Regno Unito è tra i principali produttori europei. II Paese è ricco di minerali (ferro, piombo, stagno) e carbone, che hanno reso possibile lo sviluppo dell'industria. Tra le risorse del sottosuolo vi sono anche il petrolio e il gas naturale, estratti nel Mare del Nord. Le industrie più sviluppate sono quelle siderurgica, metallurgica e meccanica, affiancate da quella elettronica e dell'alta tecnologia. Diffuse sono inoltre le industrie tessili e alimentari. L'attività commerciale è molto intensa. Importanti sono anche il settore finanziario e assicurativo. Da ricordare infine il turismo; molte sono anche le persone che soggiornano nel Paese per imparare la lingua inglese. Le vie di comunicazione stradali, autostradali e ferroviarie sono estese. Sviluppata è anche la rete fluviale. I trasporti marittimi possono contare su numerosi porti. Che cosa significa? Fabbisogno: ciò che serve a soddisfare le necessità PROVA TU 1. Qual è il tipo di allevamento più diffuso nel Regno Unito? 2. Che cosa viene estratto nel Mare del Nord? Segnalo con una X. ☐ Petrolio e gas naturale ☐ Carbone ☐ Ferro e piombo 3. Quali sono i settori industriali più sviluppati?
Unità 5 - Regno Unito Popolazione e città STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Il Regno Unito ha oltre 65 milioni di abitanti. Gli abitanti si concentrano nel centro e nel sud del Paese, dove si trovano le grandi città industriali. La densità media è piuttosto elevata: 271 abitanti per km1. Gli stranieri che abitano nel Paese sono quasi 5 milioni e mezzo. Si tratta in gran parte di polacchi e di persone provenienti dalle ex colonie (soprattutto India e Pakistan). La lingua ufficiale è l'inglese. La religione più diffusa è quella anglicana. Oltre l'82 per cento degli inglesi vive nelle città. Molti centri superano i 100 000 abitanti, e ci sono diverse metropoli. Manchester è una delle più importanti città industriali inglesi.  Edimburgo è il capoluogo della Scozia. La capitale del Regno Unito è Londra, che sorge sul Tamigi a 60 chilometri dal mare. Che cosa significa? Metropoli: città di grandi dimensioni e molto importante dal punto di vista economico o artistico. PROVA TU 1. Dove si trovano le grandi città industriali inglesi? ... 2. Qual è la religione più diffusa nel Regno Unito? ... 3. Qual è il capoluogo della Scozia?  ☐ Londra  ☐ Edimburgo ☐ Manchester Economia e società Un quarto del territorio inglese è destinato all'agricoltura, che non riesce però a soddisfare il fabbisogno del Paese. Le coltivazioni più importanti sono quelle di cereali, patate e barbabietole da zucchero, ortaggi. I boschi forniscono buone quantità di legname. L'allevamento più diffuso è quello ovino, ma importante è anche quello di bovini e suini. La pesca, soprattutto di aringhe e merluzzi, è una grande risorsa: il Regno Unito è tra i principali produttori europei. II Paese è ricco di minerali (ferro, piombo, stagno) e carbone, che hanno reso possibile lo sviluppo dell'industria. Tra le risorse del sottosuolo vi sono anche il petrolio e il gas naturale, estratti nel Mare del Nord. Le industrie più sviluppate sono quelle siderurgica, metallurgica e meccanica, affiancate da quella elettronica e dell'alta tecnologia.  Diffuse sono inoltre le industrie tessili e alimentari. L'attività commerciale è molto intensa. Importanti sono anche il settore finanziario e assicurativo. Da ricordare infine il turismo; molte sono anche le persone che soggiornano nel Paese per imparare la lingua inglese. Le vie di comunicazione stradali, autostradali e ferroviarie sono estese. Sviluppata è anche la rete fluviale. I trasporti marittimi possono contare su numerosi porti. Che cosa significa? Fabbisogno: ciò che serve a soddisfare le necessità PROVA TU 1. Qual è il tipo di allevamento più diffuso nel Regno Unito?  2. Che cosa viene estratto nel Mare del Nord? Segnalo con una X.  ☐ Petrolio e gas naturale  ☐ Carbone  ☐ Ferro e piombo  3. Quali sono i settori industriali più sviluppati?