NADIR VOLUME 2

Popolazione e città UNITÀ 8 - Serbia La distribuzione della popolazione La popolazione della Serbia è di oltre 7 milioni di unità. Le concentrazioni maggiori si registrano nel nord, più industrializzato; nel sud la popolazione vive prevalentemente nelle campagne o nei villaggi. La densità media è di 91 abitanti per km2. La capitale, Belgrado, è l’unica città di grandi dimensioni. Composizione, lingue e religioni La maggioranza della popolazione (83,3%) è rappresentata da serbi. Nella Vojvodina è presente una consistente minoranza magiara. Esistono inoltre piccole minoranze bosniache, croate, slovacche, montenegrine e romene. La lingua ufficiale è il serbo, una lingua slava che utilizza l’alfabeto cirillico. Si parla però anche l’albanese. La religione più diffusa è quella ortodossa, praticata in maggioranza dai serbi. Sono presenti minoranze cattoliche, musulmane, protestanti ed ebraiche. Le parole della geografia Alfabeto cirillico / Cyrillic script / Alfabeto cirílico / Alfabet cirilik / Alfabet chirilic / 西里尔字母 / الأبجدية السيريلية Alfabeto composto da 31 caratt eri e usato presso popolazioni slave (serbi, bulgari, russi, bielorussi, ucraini). Belgrado, la capitale, sorge alla confluenza della Sava col Danubio ed è un importante porto fluviale. Fondata dai romani, per la sua posizione è da sempre un importante centro di scambi tra la Penisola balcanica e l’Europa centrale.Tra i suoi importanti monumenti, c’è la fortezza di Kalemegdan, una costruzione turca che domina la città dall’alto di una collina.Ai suoi piedi si trovano anche le abitazioni più antiche, di origine orientale. Poco rimane degli altri edifici storici, andati in gran parte distrutti durante la Seconda guerra mondiale. Belgrado resta però il più importante centro artistico e culturale del Paese, grazie al suo Museo Nazionale, al Museo di Arte Contemporanea, alla Biblioteca Nazionale, all’università e all’Accademia di scienze e arti. Novi Sad, capoluogo della Vojvodina e porto di rilievo sul Danubio, è sorta intorno alla fortezza di Petrovaradin, costruita nel Seicento, nel periodo della dominazione austroungarica.Diventata un centro artigianale e commerciale, è sin dalle sue origini il crocevia di culture, lingue e religioni diverse. È sede di un’importante università e ospita numerosi festival e manifestazioni culturali.
Popolazione e città UNITÀ 8 - Serbia La distribuzione della popolazione La popolazione della Serbia è di oltre 7 milioni di unità.  Le concentrazioni maggiori si registrano nel nord, più industrializzato; nel sud la popolazione vive prevalentemente nelle campagne o nei villaggi. La densità media è di 91 abitanti per km2. La capitale, Belgrado, è l’unica città di grandi dimensioni. Composizione, lingue e religioni La maggioranza della popolazione (83,3%) è rappresentata da serbi. Nella Vojvodina è presente una consistente minoranza magiara. Esistono inoltre piccole minoranze bosniache, croate, slovacche, montenegrine e romene. La lingua ufficiale è il serbo, una lingua slava che utilizza l’alfabeto cirillico. Si parla però anche l’albanese. La religione più diffusa è quella ortodossa, praticata in maggioranza dai serbi. Sono presenti minoranze cattoliche, musulmane, protestanti ed ebraiche. Le parole della geografia Alfabeto cirillico / Cyrillic script / Alfabeto cirílico / Alfabet cirilik / Alfabet chirilic / 西里尔字母 / الأبجدية السيريلية  Alfabeto composto da 31 caratt eri e usato presso popolazioni slave (serbi, bulgari, russi, bielorussi, ucraini). Belgrado, la capitale, sorge alla confluenza della Sava col Danubio ed è un importante porto fluviale. Fondata dai romani, per la sua posizione è da sempre un importante centro di scambi tra la Penisola balcanica e l’Europa centrale.Tra i suoi importanti monumenti, c’è la fortezza di Kalemegdan, una costruzione turca che domina la città dall’alto di una collina.Ai suoi piedi si trovano anche le abitazioni più antiche, di origine orientale. Poco rimane degli altri edifici storici, andati in gran parte distrutti durante la Seconda guerra mondiale. Belgrado resta però il più importante centro artistico e culturale del Paese, grazie al suo Museo Nazionale, al Museo di Arte Contemporanea, alla Biblioteca Nazionale, all’università e all’Accademia di scienze e arti. Novi Sad, capoluogo della Vojvodina e porto di rilievo sul Danubio, è sorta intorno alla fortezza di Petrovaradin, costruita nel Seicento, nel periodo della dominazione austroungarica.Diventata un centro artigianale e commerciale, è sin dalle sue origini il crocevia di culture, lingue e religioni diverse. È sede di un’importante università e ospita numerosi festival e manifestazioni culturali.