NADIR LE REGIONI D'ITALIA

Popolazione e città UNITÀ 2 - Piemonte La distribuzione della popolazione In Piemonte vivono quasi 4 milioni e mezzo di persone. La densità è di 173 abitanti per km2; pur essendo inferiore alla media nazionale (201 ab./km2), è comunque elevata, se si considera che una buona parte del territorio è occupata da montagne. Dopo un periodo di intensa immigrazione dal sud dell’Italia e dal Veneto, avvenuta a metà del secolo scorso, la popolazione piemontese è diminuita, per poi aumentare nuovamente alla fine del secolo, grazie all’immigrazione dai Paesi dell’est europeo e dell’Africa settentrionale. La popolazione si concentra in pianura: oltre metà dei piemontesi vive nella provincia di Torino. La città metropolitana di TorinoTorino (890 529 ab.) è la quarta città italiana per numero di abitanti dopo Roma, Milano e Napoli. Sorge ai piedi dei monti ed è attraversata dal Po e dalla Dora Riparia. È un importante centro industriale e culturale. Dai romani ha ereditato la pianta a scacchiera. In passato capitale del Regno d’Italia, conserva maestosi monumenti. Tra le istituzioni culturali più note vi è il Museo Egizio, il più importante al mondo dopo quello del Cairo. Asti Sorge sulla sponda sinistra del Tanaro, tra le colline del Monferrato. Conobbe il suo massimo sviluppo nel Medioevo, tra il IX e il XIII secolo. Oggi è nota soprattutto per la produzione di vini. Cuneo Capoluogo di una delle province più grandi d’Italia (6903 km2), è un rilevante centro agricolo, ma ha conosciuto negli ultimi anni anche un certo sviluppo industriale. Biella Capoluogo di provincia dal 1992, è famosa per le produzioni tessili. Verbania Nata nel 1939 dall’unione di Intra e Pallanza, è un importante centro turistico sul Lago Maggiore. Alessandria Sorge sulla riva destra del Tanaro, al centro delle linee di comunicazione che collegano Torino con Genova e Milano: questo ha favorito il suo sviluppo industriale e commerciale. Novara È il principale centro industriale piemontese dopo Torino. Si trova nella pianura tra il Sesia e il Ticino, vicino al confine con la Lombardia. Vercelli Sorge sulle sponde del fiume Sesia. Voce fondamentale della sua economia è il riso. La coltivazione di questo cereale fu introdotta nel Vercellese in età medievale dai monaci benedettini e cistercensi. Attualmente nella provincia di Vercelli si coltiva circa il 40% dell’intera produzione italiana. Le province Torino (890 529 ab.) Novara (104 380 ab.) Alessandria (93 943 ab.) Asti (76 202 ab.) Cuneo (56 081 ab.), Vercelli (46 754 ab.) Biella (44 733 ab.) Verbania (30 961 ab.)
Popolazione e città UNITÀ 2 - Piemonte La distribuzione della popolazione In Piemonte vivono quasi 4 milioni e mezzo di persone. La densità è di 173 abitanti per km2; pur essendo inferiore alla media nazionale (201 ab./km2), è comunque elevata, se si considera che una buona parte del territorio è occupata da montagne. Dopo un periodo di intensa immigrazione dal sud dell’Italia e dal Veneto, avvenuta a metà del secolo scorso, la popolazione piemontese è diminuita, per poi aumentare nuovamente alla fine del secolo, grazie all’immigrazione dai Paesi dell’est europeo e dell’Africa settentrionale. La popolazione si concentra in pianura: oltre metà dei piemontesi vive nella provincia di Torino. La città metropolitana di TorinoTorino (890 529 ab.) è la quarta città italiana per numero di abitanti dopo Roma, Milano e Napoli. Sorge ai piedi dei monti ed è attraversata dal Po e dalla Dora Riparia. È un importante centro industriale e culturale. Dai romani ha ereditato la pianta a scacchiera. In passato capitale del Regno d’Italia, conserva maestosi monumenti. Tra le istituzioni culturali più note vi è il Museo Egizio, il più importante al mondo dopo quello del Cairo. Asti Sorge sulla sponda sinistra del Tanaro, tra le colline del Monferrato. Conobbe il suo massimo sviluppo nel Medioevo, tra il IX e il XIII secolo. Oggi è nota soprattutto per la produzione di vini. Cuneo Capoluogo di una delle province più grandi d’Italia (6903 km2), è un rilevante centro agricolo, ma ha conosciuto negli ultimi anni anche un certo sviluppo industriale. Biella Capoluogo di provincia dal 1992, è famosa per le produzioni tessili. Verbania Nata nel 1939 dall’unione di Intra e Pallanza, è un importante centro turistico sul Lago Maggiore. Alessandria Sorge sulla riva destra del Tanaro, al centro delle linee di comunicazione che collegano Torino con Genova e Milano: questo ha favorito il suo sviluppo industriale e commerciale. Novara È il principale centro industriale piemontese dopo Torino. Si trova nella pianura tra il Sesia e il Ticino, vicino al confine con la Lombardia. Vercelli Sorge sulle sponde del fiume Sesia. Voce fondamentale della sua economia è il riso. La coltivazione di questo cereale fu introdotta nel Vercellese in età medievale dai monaci benedettini e cistercensi. Attualmente nella provincia di Vercelli si coltiva circa il 40% dell’intera produzione italiana. Le province Torino (890 529 ab.) Novara (104 380 ab.) Alessandria (93 943 ab.) Asti (76 202 ab.) Cuneo (56 081 ab.), Vercelli (46 754 ab.) Biella (44 733 ab.) Verbania (30 961 ab.)