NADIR LE REGIONI D'ITALIA

Passato e presente UNITÀ 2 - Piemonte Dai popoli celtici ai Savoia In Piemonte si stabilirono, nel I millennio a.C., popolazioni celtiche, provenienti dalla Gallia. Tra queste c’erano anche i taurini, da cui prese il nome la città di Torino. Nel II secolo a.C. i romani cominciarono a conquistare la regione. Nell’area occupata dai taurini venne fondata Augusta Taurinorum, che diventerà poi Torino. Dopo la caduta dell’Impero romano, il Piemonte fu occupato prima dai longobardi e poi dai franchi. A partire dall’XI secolo si affermarono sul territorio i Savoia, una dinastia che poco per volta dominerà tutta la regione. Il Piemonte e l’unità d’ItaliaNell’Ottocento, durante il Risorgimento, i Savoia guideranno il processo che porterà all’unificazione dell’Italia. Dal 1861 al 1864 Torino fu la prima capitale del Regno d’Italia che si era appena formato. Dopo la Seconda guerra mondiale, cadde la dinastia dei Savoia e l’Italia diventò una repubblica. BOX Il movimento valdese nacque tra il 1170 e il 1175. In quell’epoca il mercante di Lione Pietro Valdo distribuì i suoi beni ai poveri e si mise a predicare il vangelo. Nel 1215 i seguaci di Pietro Valdo, i valdesi, furono scomunicati dalla Chiesa romana. Per loro iniziò così un duro periodo di persecuzioni. Una comunità valdese si formò in Piemonte nelle valli intorno a Pinerolo. Anche questa comunità fu perseguitata e dovette più volte abbandonare la propria terra, finché nel 1848 venne concessa dal re Carlo Alberto la libertà religiosa. Attualmente la Chiesa valdese conta circa 40 000 fedeli, un terzo dei quali vive proprio nelle valli del pinerolese, note appunto come le “Valli valdesi”. Valdesi resistono alle persecuzioni francesi dopo la revoca, nel 1686, dell’editto di Nantes, che garantiva ai protestanti la libertà religiosa, in un dipinto del XVIII secolo. Le parole della geografia Dinastia / Dynasty / Dinastía / Dinasti / Dinastie / 朝代 Membri di una stessa famiglia, nel corso delle diverse generazioni. La famiglia reale italiana nel 1901: al centro, re Vittorio Emanuele III di Savoia.
Passato e presente UNITÀ 2 - Piemonte Dai popoli celtici ai Savoia In Piemonte si stabilirono, nel I millennio a.C., popolazioni celtiche, provenienti dalla Gallia. Tra queste c’erano anche i taurini, da cui prese il nome la città di Torino. Nel II secolo a.C. i romani cominciarono a conquistare la regione. Nell’area occupata dai taurini venne fondata Augusta Taurinorum, che diventerà poi Torino. Dopo la caduta dell’Impero romano, il Piemonte fu occupato prima dai longobardi e poi dai franchi. A partire dall’XI secolo si affermarono sul territorio i Savoia, una dinastia che poco per volta dominerà tutta la regione. Il Piemonte e l’unità d’ItaliaNell’Ottocento, durante il Risorgimento, i Savoia guideranno il processo che porterà all’unificazione dell’Italia. Dal 1861 al 1864 Torino fu la prima capitale del Regno d’Italia che si era appena formato. Dopo la Seconda guerra mondiale, cadde la dinastia dei Savoia e l’Italia diventò una repubblica. BOX Il movimento valdese nacque tra il 1170 e il 1175. In quell’epoca il mercante di Lione Pietro Valdo distribuì i suoi beni ai poveri e si mise a predicare il vangelo. Nel 1215 i seguaci di Pietro Valdo, i valdesi, furono scomunicati dalla Chiesa romana. Per loro iniziò così un duro periodo di persecuzioni. Una comunità valdese si formò in Piemonte nelle valli intorno a Pinerolo. Anche questa comunità fu perseguitata e dovette più volte abbandonare la propria terra, finché nel 1848 venne concessa dal re Carlo Alberto la libertà religiosa. Attualmente la Chiesa valdese conta circa 40 000 fedeli, un terzo dei quali vive proprio nelle valli del pinerolese, note appunto come le “Valli valdesi”. Valdesi resistono alle persecuzioni francesi dopo la revoca, nel 1686, dell’editto di Nantes, che garantiva ai protestanti la libertà religiosa, in un dipinto del XVIII secolo. Le parole della geografia Dinastia / Dynasty / Dinastía / Dinasti / Dinastie / 朝代 Membri di una stessa famiglia, nel corso delle diverse generazioni. La famiglia reale italiana nel 1901: al centro, re Vittorio Emanuele III di Savoia.