Scoprire le coste

Scoprire le coste UNITÀ 1 - L’uomo e il mare Tra il mare e la terra: le coste La zona compresa tra il mare e la terra è chiamata costa. (1) Le coste hanno forme diverse a causa principalmente dei seguenti fattori: • la potenza delle onde; • l’azione del vento; • la vicinanza alla foce di un fiume; • le rocce o la sabbia di cui sono costituite. (2) La costa può essere sabbiosa, quando è formata dalla sabbia frutto dello sgretolamento delle rocce o dei depositi lasciati da un fiume; oppure rocciosa, quando le rocce non sono state completamente frantumate. (3) Se il territorio che confina con il mare è pianeggiante, allora la costa è bassa e il mare poco profondo; se, invece, il territorio che confina con il mare è montuoso o collinoso, la costa è alta e il mare profondo. (4) In alcune zone costiere del Portogallo si alternano spiagge sabbiose e falesie a picco sul mare. Quali sono le attività umane lungo le coste? La diversa forma delle coste le rende più o meno utilizzabili per le attività umane. Le coste basse e sabbiose sono adatte al turismo; le coste caratterizzate da ampie insenature sono ideali per la costruzione di porti. Le coste alte sono invece più difficili da utilizzare. Naturalmente questo non influisce minimamente sulla loro bellezza: infatti le coste a picco sull’acqua sono la maggiore attrazione turistica di numerose località. Se la costa è lineare, cioè senza rientranze, è difficile per le navi trovare rifugio quando le onde sono alte. Per questa ragione i porti si trovano là dove la costa è frastagliata, cioè formata da una serie di insenature (golfi, baie ecc.). In che cosa consiste l’erosione delle coste? I movimenti del mare tendono a modificare le coste, mediante il fenomeno detto erosione. L’erosione delle coste consiste nel fatto che il mare porta via ghiaia e sabbia, e scava le rocce fino a farle franare. Il mare non solo può distruggere, ma può anche creare nuove strisce di terra. Succede, ad esempio, che dove si incontrano le acque del mare e quelle di un fiume che vi sfocia, le due correnti si ostacolino a vicenda. Allora la sabbia e i detriti presenti nelle acque del fiume si accumulano sul fondo del mare, fino a formare delle strisce di terra che separano dal mare aperto una distesa d’acqua poco profonda. Questa zona prende il nome di laguna. La città di Venezia, ad esempio, sorge proprio al centro di una laguna. Le lagune favoriscono la pesca o l’allevamento dei pesci. Fissa i concetti 1. La costa è la zona compresa tra il mare e la terra. 2. Le coste hanno forme diverse perché sono modellate dalle onde e dal vento, per la vicinanza alla foce di un fiume e a causa delle rocce e della sabbia di cui sono costituite. 3. La costa può essere sabbiosa, se è formata dalla sabbia di deposito dei fiumi o dallo sgretolamento delle rocce, o rocciosa quando le rocce non si sono frantumate completamente. 4. La costa può anche essere bassa, se la terra confinante col mare è pianeggiante, o alta, se la terra che confina col mare è montuosa o collinosa. Le parole della geografia Foce / Mouth (of a river) / Desembocadura / Zgavër / Deltă / 河口 / مصب È il punto in cui un fiume si immette in mare, in un lago o in un altro fiume. L’isola di Burano, nella laguna veneta. Il territorio della laguna è composto principalmente di piane di marea fangose e distese d’acqua di modesta profondità. Lavoriamo insieme La forma delle coste Osserva con attenzione la tavola sulla forma delle coste e colloca al posto giusto i termini che seguono: arcipelago, scoglio, baia, penisola, duna. 1 ................................................. : gruppo di isole molto ravvicinate fra loro. 2 Promontorio: sporgenza montuosa della costa nel mare. 3 Spiaggia: striscia pianeggiante che si estende lungo la riva del mare. È costituita da sabbia o ghiaia, che derivano dallo sgretolamento delle rocce o dai depositi di un fiume. 4 .................................................. : roccia emergente dal mare, in genere vicino alla costa. 5 Golfo: insenatura ampia e profonda. 6 Laguna: distesa d’acqua poco profonda separata dal mare da una striscia di terra. 7 ................................................. : piccola insenatura, caratterizzata da una stretta imboccatura. 8 Tombolo: cordone sabbioso che unisce la costa a uno scoglio. 9 ................................................. : cumulo di sabbia depositato dal vento presso la spiaggia e fermato da un ostacolo (rocce, rialzo del terreno). 10 Capo: punto estremo di una penisola. 11 Costa alta: tratto in cui il territorio che confina col mare è montuoso o collinoso; le rocce sono alte e scoscese; il mare è profondo. 12 ................................................. : territorio che si allunga nel mare, unito da una parte al continente e circondato dalle acque dalle altre parti.
Scoprire le coste UNITÀ 1 - L’uomo e il mare Tra il mare e la terra: le coste La zona compresa tra il mare e la terra è chiamata costa. (1) Le coste hanno forme diverse a causa principalmente dei seguenti fattori: • la potenza delle onde; • l’azione del vento; • la vicinanza alla foce di un fiume; • le rocce o la sabbia di cui sono costituite. (2) La costa può essere sabbiosa, quando è formata dalla sabbia frutto dello sgretolamento delle rocce o dei depositi lasciati da un fiume; oppure rocciosa, quando le rocce non sono state completamente frantumate. (3) Se il territorio che confina con il mare è pianeggiante, allora la costa è bassa e il mare poco profondo; se, invece, il territorio che confina con il mare è montuoso o collinoso, la costa è alta e il mare profondo. (4) In alcune zone costiere del Portogallo si alternano spiagge sabbiose e falesie a picco sul mare. Quali sono le attività umane lungo le coste? La diversa forma delle coste le rende più o meno utilizzabili per le attività umane. Le coste basse e sabbiose sono adatte al turismo; le coste caratterizzate da ampie insenature sono ideali per la costruzione di porti. Le coste alte sono invece più difficili da utilizzare. Naturalmente questo non influisce minimamente sulla loro bellezza: infatti le coste a picco sull’acqua sono la maggiore attrazione turistica di numerose località. Se la costa è lineare, cioè senza rientranze, è difficile per le navi trovare rifugio quando le onde sono alte. Per questa ragione i porti si trovano là dove la costa è frastagliata, cioè formata da una serie di insenature (golfi, baie ecc.). In che cosa consiste l’erosione delle coste? I movimenti del mare tendono a modificare le coste, mediante il fenomeno detto erosione. L’erosione delle coste consiste nel fatto che il mare porta via ghiaia e sabbia, e scava le rocce fino a farle franare. Il mare non solo può distruggere, ma può anche creare nuove strisce di terra. Succede, ad esempio, che dove si incontrano le acque del mare e quelle di un fiume che vi sfocia, le due correnti si ostacolino a vicenda. Allora la sabbia e i detriti presenti nelle acque del fiume si accumulano sul fondo del mare, fino a formare delle strisce di terra che separano dal mare aperto una distesa d’acqua poco profonda. Questa zona prende il nome di laguna. La città di Venezia, ad esempio, sorge proprio al centro di una laguna. Le lagune favoriscono la pesca o l’allevamento dei pesci. Fissa i concetti 1. La costa è la zona compresa tra il mare e la terra. 2. Le coste hanno forme diverse perché sono modellate dalle onde e dal vento, per la vicinanza alla foce di un fiume e a causa delle rocce e della sabbia di cui sono costituite. 3. La costa può essere sabbiosa, se è formata dalla sabbia di deposito dei fiumi o dallo sgretolamento delle rocce, o rocciosa quando le rocce non si sono frantumate completamente. 4. La costa può anche essere bassa, se la terra confinante col mare è pianeggiante, o alta, se la terra che confina col mare è montuosa o collinosa. Le parole della geografia Foce / Mouth (of a river) / Desembocadura / Zgavër / Deltă / 河口 / مصب È il punto in cui un fiume si immette in mare, in un lago o in un altro fiume. L’isola di Burano, nella laguna veneta. Il territorio della laguna è composto principalmente di piane di marea fangose e distese d’acqua di modesta profondità. Lavoriamo insieme La forma delle coste Osserva con attenzione la tavola sulla forma delle coste e colloca al posto giusto i termini che seguono: arcipelago, scoglio, baia, penisola, duna. 1 ................................................. : gruppo di isole molto ravvicinate fra loro. 2 Promontorio: sporgenza montuosa della costa nel mare. 3 Spiaggia: striscia pianeggiante che si estende lungo la riva del mare. È costituita da sabbia o ghiaia, che derivano dallo sgretolamento delle rocce o dai depositi di un fiume. 4 .................................................. : roccia emergente dal mare, in genere vicino alla costa. 5 Golfo: insenatura ampia e profonda. 6 Laguna: distesa d’acqua poco profonda separata dal mare da una striscia di terra. 7 ................................................. : piccola insenatura, caratterizzata da una stretta imboccatura. 8 Tombolo: cordone sabbioso che unisce la costa a uno scoglio. 9 ................................................. : cumulo di sabbia depositato dal vento presso la spiaggia e fermato da un ostacolo (rocce, rialzo del terreno). 10 Capo: punto estremo di una penisola. 11 Costa alta: tratto in cui il territorio che confina col mare è montuoso o collinoso; le rocce sono alte e scoscese; il mare è profondo. 12 ................................................. : territorio che si allunga nel mare, unito da una parte al continente e circondato dalle acque dalle altre parti.