Le lunghe distanze

Le lunghe distanze UNITÀ 10 - Il settore terziario Il traffico fluviale e marittimo Le navi sono utilizzate soprattutto per il commercio internazionale di merci pesanti. I trasporti marittimi rappresentano addirittura tre quarti dell’intero trasporto mondiale in tonnellaggio. (1) I porti maggiori hanno perciò spazi e attrezzature adeguate per il carico, lo scarico e il parcheggio dei container. I porti più grandi sono quelli atlantici e del Mare del Nord (Le Havre, Rotterdam, Londra, Anversa, Amburgo); il primo porto italiano per intensità di traffico è quello di Genova. In Europa è molto sviluppata anche la navigazione su fiumi e canali: la rete idroviaria è estesa nella zona pianeggiante dalla Francia alla Polonia e nella pianura russa. (2) Il trasporto aereoÈ stato calcolato che l’aereo è il mezzo più conveniente per i passeggeri su percorsi superiori agli 800 km. È molto costoso, invece, il trasporto aereo delle merci, che risulta conveniente solo se sono leggere, poco ingombranti e di alto valore. (3) Il movimento dei passeggeri all’interno del continente è aumentato del 50% fra il 1980 e il 1990 e, successivamente, il tasso di incremento annuo è stato circa del 10%. Il maggior volume di traffico si svolge negli aeroporti europei utilizzati come nodi di connessione intercontinentale, ossia quegli aeroporti dove fanno scalo i voli provenienti da vari continenti, come quelli di Londra, Parigi, Francoforte, Amsterdam, Milano, Roma e Madrid. (4) Lavoriamo insieme Principali porti e aeroporti in Europa Osserva la carta sui principali porti e aeroporti europei, leggi bene le didascalie e rispondi alle domande che seguono. 1. Qual è la città europea con il più intenso traffico aereo? 2. Qual è il porto europeo in cui si realizza il massimo traffico di merci? 3. Quali sono gli aeroporti europei in cui transitano più di 20 milioni di passeggeri? 4. Quali sono i porti europei più importanti? 1 Londra è la città col più intenso traffico aereo di Europa: solamente nell’aeroporto principale, Heathrow, transitano circa 67 milioni di passeggeri all’anno. 2 È il porto di Rotterdam quello in cui si realizza il massimo traffico di merci: circa 380 milioni di tonnellate l’anno. Fissa i concetti 1. Il trasporto marittimo è preferito per le merci pesanti: tre quarti delle merci trasportate nel mondo viaggiano sul mare. 2. In Europa le merci viaggiano anche su fiumi e canali, soprattutto nella zona pianeggiante tra Francia e Polonia e nella pianura russa. 3. L’aereo è il mezzo più conveniente per i passeggeri su percorsi superiori agli 800 km. Il trasporto aereo delle merci risulta conveniente solo se sono leggere, poco ingombranti e di alto valore. 4. I nodi di connessione intercontinentale sono quegli aeroporti dove fanno scalo i voli provenienti da vari continenti, come quelli di Londra, Parigi, Francoforte, Amsterdam, Milano, Roma e Madrid. Le parole della geografia Container / Container / Contenedor / Enë / Container / 集装箱 / حاوية La parola deriva dall’inglese e indica un grande parallelepipedo di metallo usato per il trasporto di merci. I container hanno misure unificate in tutto il mondo, in modo da poter viaggiare su camion, treni, navi e aerei ed essere facilmente trasferiti da un mezzo all’altro.
Le lunghe distanze UNITÀ 10 - Il settore terziario Il traffico fluviale e marittimo Le navi sono utilizzate soprattutto per il commercio internazionale di merci pesanti. I trasporti marittimi rappresentano addirittura tre quarti dell’intero trasporto mondiale in tonnellaggio. (1) I porti maggiori hanno perciò spazi e attrezzature adeguate per il carico, lo scarico e il parcheggio dei container. I porti più grandi sono quelli atlantici e del Mare del Nord (Le Havre, Rotterdam, Londra, Anversa, Amburgo); il primo porto italiano per intensità di traffico è quello di Genova. In Europa è molto sviluppata anche la navigazione su fiumi e canali: la rete idroviaria è estesa nella zona pianeggiante dalla Francia alla Polonia e nella pianura russa. (2) Il trasporto aereoÈ stato calcolato che l’aereo è il mezzo più conveniente per i passeggeri su percorsi superiori agli 800 km. È molto costoso, invece, il trasporto aereo delle merci, che risulta conveniente solo se sono leggere, poco ingombranti e di alto valore. (3) Il movimento dei passeggeri all’interno del continente è aumentato del 50% fra il 1980 e il 1990 e, successivamente, il tasso di incremento annuo è stato circa del 10%. Il maggior volume di traffico si svolge negli aeroporti europei utilizzati come nodi di connessione intercontinentale, ossia quegli aeroporti dove fanno scalo i voli provenienti da vari continenti, come quelli di Londra, Parigi, Francoforte, Amsterdam, Milano, Roma e Madrid. (4) Lavoriamo insieme Principali porti e aeroporti in Europa Osserva la carta sui principali porti e aeroporti europei, leggi bene le didascalie e rispondi alle domande che seguono. 1. Qual è la città europea con il più intenso traffico aereo? 2. Qual è il porto europeo in cui si realizza il massimo traffico di merci? 3. Quali sono gli aeroporti europei in cui transitano più di 20 milioni di passeggeri? 4. Quali sono i porti europei più importanti? 1 Londra è la città col più intenso traffico aereo di Europa: solamente nell’aeroporto principale, Heathrow, transitano circa 67 milioni di passeggeri all’anno. 2 È il porto di Rotterdam quello in cui si realizza il massimo traffico di merci: circa 380 milioni di tonnellate l’anno. Fissa i concetti 1. Il trasporto marittimo è preferito per le merci pesanti: tre quarti delle merci trasportate nel mondo viaggiano sul mare. 2. In Europa le merci viaggiano anche su fiumi e canali, soprattutto nella zona pianeggiante tra Francia e Polonia e nella pianura russa. 3. L’aereo è il mezzo più conveniente per i passeggeri su percorsi superiori agli 800 km. Il trasporto aereo delle merci risulta conveniente solo se sono leggere, poco ingombranti e di alto valore. 4. I nodi di connessione intercontinentale sono quegli aeroporti dove fanno scalo i voli provenienti da vari continenti, come quelli di Londra, Parigi, Francoforte, Amsterdam, Milano, Roma e Madrid. Le parole della geografia Container / Container / Contenedor / Enë / Container / 集装箱 / حاوية La parola deriva dall’inglese e indica un grande parallelepipedo di metallo usato per il trasporto di merci. I container hanno misure unificate in tutto il mondo, in modo da poter viaggiare su camion, treni, navi e aerei ed essere facilmente trasferiti da un mezzo all’altro.