I rischi ambientali

I rischi ambientali UNITÀ 9 - Il settore secondario e il rischio ambientale Le cause dell’inquinamento La trasformazione delle tecniche agricole e l’industrializzazione, alla base dello sviluppo economico di gran parte d’Europa, generano, però, anche l’inquinamento ambientale. (1) L’inquinamento è un fenomeno complesso, causato dall’uso di fertilizzanti chimici e pesticidi in agricoltura, dalle emissioni delle industrie e dei mezzi di trasporto, dall’accumulo di rifiuti ecc. I suoi effetti riguardano l’aria, l’acqua e il suolo. (2) Particolarmente grave, in Europa, è l’inquinamento delle acque dolci, in cui si riversano gli scarichi industriali e le acque reflue. Anche se gli inquinanti vengono dispersi più facilmente nell’aria e nell’acqua, il suolo non è immune da danni, provocati dall’eccessivo sfruttamento agricolo, dal disboscamento, dall’uso esagerato di prodotti chimici. Le piogge acideUn altro problema per l’ambiente europeo è costituito dalle piogge acide. Questo fenomeno iniziò con la diffusione delle fabbriche, delle aree urbane e del traffico automobilistico. L’immissione di sostanze inquinanti nell’aria è aumentata nel tempo e ha raggiunto gli strati alti dell’atmosfera. Qui alcune sostanze reagiscono con il vapore acqueo e la luce solare, trasformandosi in acidi che cadono al suolo insieme con le gocce d’acqua. Questi acidi finiscono nel terreno e vengono assorbiti dalle radici degli alberi. Il risultato è la morte degli alberi, come si può vedere nell’immagine sottostante. (3) I principali responsabili di questo fenomeno sono l’ossido d’azoto e di zolfo che, a contatto con l’acqua atmosferica, si trasformano in acido nitrico e acido solforico. L’attività che genera più ossido di zolfo è la produzione d’energia elettrica bruciando carbone: una centrale alimentata a carbone emette circa una tonnellata di questo gas ogni cinque minuti. (4) Le piogge acide provocano gravissimi danni: possono infatti danneggiare in modo mortale il fragile ecosistema dei boschi. Che cos’è lo smog? Durante i periodi invernali di alta pressione atmosferica e di nebbie persistenti, sulle città della Pianura Padana si forma lo smog: questa parola è inglese ed è composta da smoke (fumo) e fog (nebbia). Si tratta infatti di una miscela di sostanze inquinanti e di nebbia. Uno degli inquinanti più diffusi nell’aria delle città è l’anidride solforosa, prodotta dalla combustione del carbone e degli idrocarburi. In condizioni di forte umidità essa può trasformarsi in altre sostanze (anidride solforica e acido solforico) molto pericolose per la salute dell’uomo. L’anidride solforosa produce effetti dannosi persino sulle rocce: infatti riesce a modificarle profondamente. La sua presenza può compromettere i monumenti, di grande valore artistico, di parecchie città italiane. I monumenti vengono coperti da una crosta nerastra che intacca e deteriora i materiali usati per la loro costruzione. Nell’aria delle regioni fittamente abitate sono frequenti anche il monossido di carbonio, gli ossidi di azoto e gli idrocarburi incombusti. Fra gli inquinanti c’è pure un insidioso pulviscolo composto da particelle (con diametro inferiore a 10 millesimi di millimetro) di sali, solfati, metalli, piombo, manganese ecc. Queste polveri sospese nell’aria minacciano quotidianamente la nostra salute perché sono portatrici di malattie ai bronchi. Fissa i concetti 1. L’industrializzazione, se da una parte è la base dello sviluppo economico, dall’altra è causa dell’inquinamento ambientale. 2. L’inquinamento riguarda l’aria, l’acqua e il suolo ed è causato da fertilizzanti e pesticidi,dalle emissioni di industrie e mezzi di trasporto, dall’accumulo dei rifiuti. 3. Le sostanze inquinanti come l’azoto e lo zolfo nell’aria reagiscono con la luce del Sole e il vapore acqueo e cadono al suolo sotto forma di acidi che finiscono nel terreno provocando danni alla vegetazione. 4. L’ossido di zolfo, maggiore causa delle piogge acide, è prodotto in gran parte dalla produzione di energia elettrica che si ottiene bruciando il carbone. Le parole della geografia Acque reflue / Wastewater / Aguas residuales / Ujëra të zeza / Ape uzate / 废水 / مياه صرف Sono acque che, dopo essere state utilizzate in attività agricole, industriali o domestiche, vengono restituite, generalmente inquinate, ai corsi d’acqua dai quali sono state prelevate. Gli effetti delle piogge acide Lavoriamo insieme L’inquinamento in Europa Osserva la carta, leggi bene le didascalie e rispondi alle domande che seguono. 1. Qual è il fiume europeo in cui sono state rilevate circa 6000 sostanze tossiche? 2. Anche il Po è inquinato? Qual è una delle cause? 3. Qual è la zona d’Europa con il livello di acidità delle piogge più alto? 4. Come si presenta il livello di acidità delle piogge su Spagna, Portogallo, Sud Italia, Grecia, Turchia? 1 Nel Reno, un fiume che attraversa una delle aree più industrializzate d’Europa, sfociando nel Mare del Nord, sono state rilevate circa 6000 sostanze tossiche. 2 Anche il Po è inquinato. Nel principale fiume italiano d'altronde si riversano vari corsi d’acqua più o meno gravemente inquinati. Per lo stesso meccanismo, l’inquinamento dei fiumi è la causa principale anche dell’inquinamento del mare.
I rischi ambientali UNITÀ 9 - Il settore secondario e il rischio ambientale Le cause dell’inquinamento La trasformazione delle tecniche agricole e l’industrializzazione, alla base dello sviluppo economico di gran parte d’Europa, generano, però, anche l’inquinamento ambientale. (1) L’inquinamento è un fenomeno complesso, causato dall’uso di fertilizzanti chimici e pesticidi in agricoltura, dalle emissioni delle industrie e dei mezzi di trasporto, dall’accumulo di rifiuti ecc. I suoi effetti riguardano l’aria, l’acqua e il suolo. (2) Particolarmente grave, in Europa, è l’inquinamento delle acque dolci, in cui si riversano gli scarichi industriali e le acque reflue. Anche se gli inquinanti vengono dispersi più facilmente nell’aria e nell’acqua, il suolo non è immune da danni, provocati dall’eccessivo sfruttamento agricolo, dal disboscamento, dall’uso esagerato di prodotti chimici. Le piogge acideUn altro problema per l’ambiente europeo è costituito dalle piogge acide. Questo fenomeno iniziò con la diffusione delle fabbriche, delle aree urbane e del traffico automobilistico. L’immissione di sostanze inquinanti nell’aria è aumentata nel tempo e ha raggiunto gli strati alti dell’atmosfera. Qui alcune sostanze reagiscono con il vapore acqueo e la luce solare, trasformandosi in acidi che cadono al suolo insieme con le gocce d’acqua. Questi acidi finiscono nel terreno e vengono assorbiti dalle radici degli alberi. Il risultato è la morte degli alberi, come si può vedere nell’immagine sottostante. (3) I principali responsabili di questo fenomeno sono l’ossido d’azoto e di zolfo che, a contatto con l’acqua atmosferica, si trasformano in acido nitrico e acido solforico. L’attività che genera più ossido di zolfo è la produzione d’energia elettrica bruciando carbone: una centrale alimentata a carbone emette circa una tonnellata di questo gas ogni cinque minuti. (4) Le piogge acide provocano gravissimi danni: possono infatti danneggiare in modo mortale il fragile ecosistema dei boschi. Che cos’è lo smog? Durante i periodi invernali di alta pressione atmosferica e di nebbie persistenti, sulle città della Pianura Padana si forma lo smog: questa parola è inglese ed è composta da smoke (fumo) e fog (nebbia). Si tratta infatti di una miscela di sostanze inquinanti e di nebbia. Uno degli inquinanti più diffusi nell’aria delle città è l’anidride solforosa, prodotta dalla combustione del carbone e degli idrocarburi. In condizioni di forte umidità essa può trasformarsi in altre sostanze (anidride solforica e acido solforico) molto pericolose per la salute dell’uomo. L’anidride solforosa produce effetti dannosi persino sulle rocce: infatti riesce a modificarle profondamente. La sua presenza può compromettere i monumenti, di grande valore artistico, di parecchie città italiane. I monumenti vengono coperti da una crosta nerastra che intacca e deteriora i materiali usati per la loro costruzione. Nell’aria delle regioni fittamente abitate sono frequenti anche il monossido di carbonio, gli ossidi di azoto e gli idrocarburi incombusti. Fra gli inquinanti c’è pure un insidioso pulviscolo composto da particelle (con diametro inferiore a 10 millesimi di millimetro) di sali, solfati, metalli, piombo, manganese ecc. Queste polveri sospese nell’aria minacciano quotidianamente la nostra salute perché sono portatrici di malattie ai bronchi. Fissa i concetti 1. L’industrializzazione, se da una parte è la base dello sviluppo economico, dall’altra è causa dell’inquinamento ambientale. 2. L’inquinamento riguarda l’aria, l’acqua e il suolo ed è causato da fertilizzanti e pesticidi,dalle emissioni di industrie e mezzi di trasporto, dall’accumulo dei rifiuti. 3. Le sostanze inquinanti come l’azoto e lo zolfo nell’aria reagiscono con la luce del Sole e il vapore acqueo e cadono al suolo sotto forma di acidi che finiscono nel terreno provocando danni alla vegetazione. 4. L’ossido di zolfo, maggiore causa delle piogge acide, è prodotto in gran parte dalla produzione di energia elettrica che si ottiene bruciando il carbone. Le parole della geografia Acque reflue / Wastewater / Aguas residuales / Ujëra të zeza / Ape uzate / 废水 / مياه صرف Sono acque che, dopo essere state utilizzate in attività agricole, industriali o domestiche, vengono restituite, generalmente inquinate, ai corsi d’acqua dai quali sono state prelevate. Gli effetti delle piogge acide Lavoriamo insieme L’inquinamento in Europa Osserva la carta, leggi bene le didascalie e rispondi alle domande che seguono. 1. Qual è il fiume europeo in cui sono state rilevate circa 6000 sostanze tossiche?  2. Anche il Po è inquinato? Qual è una delle cause?  3. Qual è la zona d’Europa con il livello di acidità delle piogge più alto?  4. Come si presenta il livello di acidità delle piogge su Spagna, Portogallo, Sud Italia, Grecia, Turchia? 1 Nel Reno, un fiume che attraversa una delle aree più industrializzate d’Europa, sfociando nel Mare del Nord, sono state rilevate circa 6000 sostanze tossiche. 2 Anche il Po è inquinato. Nel principale fiume italiano d'altronde si riversano vari corsi d’acqua più o meno gravemente inquinati. Per lo stesso meccanismo, l’inquinamento dei fiumi è la causa principale anche dell’inquinamento del mare.