Che cosa sono i fusi orari?

Che cosa sono i fusi orari? UNITÀ 0 - Per prepararti allo studio della geografia I fusi orari La Terra compie nelle 24 ore un giro di rotazione sul proprio asse. Tutti i punti della superficie terrestre in questo intervallo di tempo “passano” davanti al Sole, ma in momenti diversi: quando infatti in un luogo è mezzogiorno, cioè il Sole si trova esattamente sopra il meridiano di quel luogo, su tutti i punti situati a Oriente il mezzogiorno è già passato, e su quelli situati a Occidente deve ancora arrivare. Ma anche nello stesso Stato o nella stessa regione, in luoghi posti a longitudini diverse il mezzogiorno arriva in momenti diversi: ad esempio, quando a Firenze il Sole si trova al mezzogiorno a Catania il mezzogiorno è passato da circa 16 minuti. Per evitare di regolare l’orologio ogni volta che, durante uno spostamento, si cambia longitudine, si è stabilito di dividere la superficie della Terra in 24 spicchi, detti fusi orari, che corrispondono all’incirca ai meridiani. Tutti i luoghi che si trovano all’interno dello stesso fuso orario hanno per convenzione la stessa ora. (1) Il sistema dei fusi orari fu ideato dall’astronomo italiano Quirico Filopanti nel 1859 e fu adottato universalmente con la Convenzione Internazionale nel 1893. Il primo fuso orario corrisponde al meridiano di Greenwich. Quando si cambia fuso, si spostano di un’ora le lancette dell’orologio, e precisamente un’ora in più se si viaggia dal meridiano di Greenwich verso est, un’ora in meno se ci si sposta verso ovest. (2) Quando a Greenwich è mezzogiorno, sul meridiano opposto è mezzanotte perché si sono attraversati 12 fusi orari. Per maggiore comodità i fusi sono stati stabiliti in modo da farli coincidere con i confini di uno Stato o di più Stati vicini. Se il territorio di uno Stato è molto esteso nel senso della longitudine, come gli Stati Uniti, le differenze di fuso orario sono inevitabili: perciò, quando a New York è mezzogiorno, a Dallas sono le undici e a San Francisco le nove. Analogamente sono costretti a dividere il loro territorio in varie fasce orarie il Canada, il Brasile, la Russia, la Cina e l’Australia. La linea del cambiamento di dataSull’antimeridiano di Greenwich passa la linea del cambiamento di data, che è tracciata nell’Oceano Pacifico con un andamento tale da passare solo in zone di mare. Durante un viaggio in aereo o in nave sull’Oceano Pacifico, dopo aver attraversato la linea di cambiamento di data, occorre ripetere la data del giorno in corso se si è diretti a est (per esempio dal Giappone verso gli USA). Occorre, invece, spostare la data al giorno successivo se si procede verso ovest. L’ora legaleIn molti Paesi, parecchi anni fa, fu introdotta la cosiddetta ora legale o estiva, che consiste nell’anticipo di un’ora rispetto al proprio fuso. (3) Quest’accorgimento permette di usufruire più a lungo della luce solare e ottenere così un minor consumo d’energia elettrica. (4) L’ora legale fu utilizzata per la prima volta da alcuni Stati europei, compresa l’Italia, nel corso delle guerre mondiali. Dal 1966 fu ripristinata in Italia, dove attualmente entra in vigore l’ultima domenica di marzo e si protrae fino all’ultima domenica d’ottobre. Oltre a consentire un notevole risparmio energetico, l’ora legale reca benefici alle attività turistiche. Perciò si sta valutando la possibilità di mantenerla per tutto l’anno, come è già stato fatto in numerosi altri Paesi. Lavoriamo insieme Osserva la carta dei fusi orari. Se a Roma è mezzogiorno, che ora è… - a New York? ............................ - a Tokyo? ............................ - a San Francisco? ............................. - a Sydney? ............................ Fissa i concetti 1. I fusi orari dividono la Terra in 24 spicchi, che corrispondono all’incirca ai meridiani: tutti i luoghi che si trovano all’interno dello stesso fuso orario hanno per convenzione la stessa ora. 2. Il primo fuso orario corrisponde al meridiano di Greenwich; se si viaggia verso est si spostano di un’ora in più le lancette dell’orologio, un’ora in meno se ci si sposta verso ovest. 3. In molti Paesi, parecchi anni fa, fu introdotta la cosiddetta ora legale o estiva, che consiste nell’anticipo di un’ora rispetto al proprio fuso. 4. Quest’accorgimento permette di usufruire più a lungo della luce solare e ottenere così un minor consumo d’energia elettrica. Le parole della geografia Antimeridiano / Antimeridian / Antimeridiano / Anti meridian / Antemeridian / 逆子午线 / الصباح Il meridiano che si trova esatt amente all’opposto di quello di Greenwich. La scultura che segnala il meridiano zero all’osservatorio di Greenwich, nei dintorni di Londra.
Che cosa sono i fusi orari? UNITÀ 0 - Per prepararti allo studio della geografia I fusi orari La Terra compie nelle 24 ore un giro di rotazione sul proprio asse. Tutti i punti della superficie terrestre in questo intervallo di tempo “passano” davanti al Sole, ma in momenti diversi: quando infatti in un luogo è mezzogiorno, cioè il Sole si trova esattamente sopra il meridiano di quel luogo, su tutti i punti situati a Oriente il mezzogiorno è già passato, e su quelli situati a Occidente deve ancora arrivare. Ma anche nello stesso Stato o nella stessa regione, in luoghi posti a longitudini diverse il mezzogiorno arriva in momenti diversi: ad esempio, quando a Firenze il Sole si trova al mezzogiorno a Catania il mezzogiorno è passato da circa 16 minuti. Per evitare di regolare l’orologio ogni volta che, durante uno spostamento, si cambia longitudine, si è stabilito di dividere la superficie della Terra in 24 spicchi, detti fusi orari, che corrispondono all’incirca ai meridiani. Tutti i luoghi che si trovano all’interno dello stesso fuso orario hanno per convenzione la stessa ora. (1) Il sistema dei fusi orari fu ideato dall’astronomo italiano Quirico Filopanti nel 1859 e fu adottato universalmente con la Convenzione Internazionale nel 1893. Il primo fuso orario corrisponde al meridiano di Greenwich. Quando si cambia fuso, si spostano di un’ora le lancette dell’orologio, e precisamente un’ora in più se si viaggia dal meridiano di Greenwich verso est, un’ora in meno se ci si sposta verso ovest. (2) Quando a Greenwich è mezzogiorno, sul meridiano opposto è mezzanotte perché si sono attraversati 12 fusi orari. Per maggiore comodità i fusi sono stati stabiliti in modo da farli coincidere con i confini di uno Stato o di più Stati vicini. Se il territorio di uno Stato è molto esteso nel senso della longitudine, come gli Stati Uniti, le differenze di fuso orario sono inevitabili: perciò, quando a New York è mezzogiorno, a Dallas sono le undici e a San Francisco le nove. Analogamente sono costretti a dividere il loro territorio in varie fasce orarie il Canada, il Brasile, la Russia, la Cina e l’Australia. La linea del cambiamento di dataSull’antimeridiano di Greenwich passa la linea del cambiamento di data, che è tracciata nell’Oceano Pacifico con un andamento tale da passare solo in zone di mare. Durante un viaggio in aereo o in nave sull’Oceano Pacifico, dopo aver attraversato la linea di cambiamento di data, occorre ripetere la data del giorno in corso se si è diretti a est (per esempio dal Giappone verso gli USA). Occorre, invece, spostare la data al giorno successivo se si procede verso ovest. L’ora legaleIn molti Paesi, parecchi anni fa, fu introdotta la cosiddetta ora legale o estiva, che consiste nell’anticipo di un’ora rispetto al proprio fuso. (3) Quest’accorgimento permette di usufruire più a lungo della luce solare e ottenere così un minor consumo d’energia elettrica. (4) L’ora legale fu utilizzata per la prima volta da alcuni Stati europei, compresa l’Italia, nel corso delle guerre mondiali. Dal 1966 fu ripristinata in Italia, dove attualmente entra in vigore l’ultima domenica di marzo e si protrae fino all’ultima domenica d’ottobre. Oltre a consentire un notevole risparmio energetico, l’ora legale reca benefici alle attività turistiche. Perciò si sta valutando la possibilità di mantenerla per tutto l’anno, come è già stato fatto in numerosi altri Paesi. Lavoriamo insieme Osserva la carta dei fusi orari. Se a Roma è mezzogiorno, che ora è… - a New York? ............................ - a Tokyo? ............................ - a San Francisco? ............................. - a Sydney? ............................ Fissa i concetti 1. I fusi orari dividono la Terra in 24 spicchi, che corrispondono all’incirca ai meridiani: tutti i luoghi che si trovano all’interno dello stesso fuso orario hanno per convenzione la stessa ora. 2. Il primo fuso orario corrisponde al meridiano di Greenwich; se si viaggia verso est si spostano di un’ora in più le lancette dell’orologio, un’ora in meno se ci si sposta verso ovest. 3. In molti Paesi, parecchi anni fa, fu introdotta la cosiddetta ora legale o estiva, che consiste nell’anticipo di un’ora rispetto al proprio fuso. 4. Quest’accorgimento permette di usufruire più a lungo della luce solare e ottenere così un minor consumo d’energia elettrica. Le parole della geografia Antimeridiano / Antimeridian / Antimeridiano / Anti meridian / Antemeridian / 逆子午线 / الصباح Il meridiano che si trova esatt amente all’opposto di quello di Greenwich. La scultura che segnala il meridiano zero all’osservatorio di Greenwich, nei dintorni di Londra.