Caratteri generali delle città

Caratteri generali delle città UNITÀ 7 - Dove vivono gli europei L’origine delle città Più del 70% degli europei vive in città e il nostro continente è caratterizzato da una straordinaria diffusione di centri urbani. (1) Le città però non nacquero in Europa. Sorsero in Medio Oriente, circa 10 000 anni fa. Circa 5000 anni fa, invece, si svilupparono delle grandi civiltà guidate da città, le civiltà urbane. Ciò avvenne in Asia e in Africa settentrionale, in regioni lontane ma tutte attraversate da grandi fiumi: il Tigri e l’Eufrate in Mesopotamia, l’Indo nella regione indiana e il Fiume Azzurro in Cina. (2) In Europa, la civiltà urbana si sviluppò in Grecia circa 4000 anni fa, ma si diffuse nel continente solo 2700 anni fa con la fondazione di centri lungo le coste del Mediterraneo da parte di Fenici e Greci, e poi da parte degli Etruschi. Le città infine si affermarono con la civiltà romana (da 2500 a 1500 anni fa circa): i Romani fondarono, in gran parte dell’Europa, molte città che conservano ancora oggi resti dell’epoca. Fino all’inizio del XIX secolo, però, i centri urbani ospitavano una piccola percentuale della popolazione. Nell’Ottocento si ebbe invece un grande sviluppo delle città. Nel giro di pochi decenni alcune città, come Londra e Parigi, raddoppiarono la popolazione e assunsero struttura e funzioni completamente nuove, a causa della nascita delle industrie. (3) Che cos’è una città?Per convenzione oggi si considerano città i centri urbani in cui vivono più di 20 000 persone; se il numero degli abitanti è inferiore si parla di paesi. Ma la città si differenzia dai paesi non tanto per il numero degli abitanti, quanto perché nella città ci sono tutti i servizi di cui le persone hanno bisogno, come scuole, università e ospedali. Sono presenti, inoltre, negozi di tutti i tipi e locali per trascorrere il tempo libero (cinema, teatri, centri sportivi). (4) La città di Dublino, in Irlanda, in una stampa del 1882. Quali sono le funzioni della città? Una città esiste perché risponde alle esigenze dei suoi abitanti, svolgendo alcune funzioni fondamentali. Innanzitutto la città garantisce ai cittadini gli spazi in cui abitare, ha cioè una funzione abitativa. Le abitazioni più lussuose si trovano generalmente nelle zone centrali, nei quartieri residenziali. Nei quartieri periferici ci sono, invece, le case popolari destinate alle famiglie meno abbienti. Le città in cui sorgono industrie svolgono una prevalente funzione produttiva. Negli ultimi decenni la costante crescita del settore terziario ha ridimensionato questa funzione: ormai, infatti, nelle città si trovano soprattutto negozi, supermercati, banche, agenzie, studi professionali ecc. La presenza di una stazione ferroviaria, di un porto o di un aeroporto facilita le attività commerciali, la fornitura di merci e di servizi: se queste attività prevalgono la città svolge una funzione finanziaria e commerciale. Invece la capitale dello Stato svolge prevalentemente una funzione politicoamministrativa, perché vi hanno sede degli organi politici e della pubblica amministrazione. A Roma, ad esempio, si trovano il Presidente della Repubblica, il Governo con i relativi ministeri, il Parlamento e gli uffici collegati. Fissa i concetti 1. Il 70% degli europei vive nelle città e l’Europa è caratterizzata da una grande diffusione di centri urbani.2. Le città nacquero, però, in Medio Oriente 10 000 anni fa, e 5000 anni fa si svilupparono le civiltà urbane nelle zone dei grandi fiumi (in Mesopotamia, nella regione dell’Indo in India e del Fiume Azzurro in Cina).3. Le città, però, ospitavano una piccola parte della popolazione: fu con la nascita delle industrie che le città aumentarono sensibilmente la popolazione.4. Le città si differenziano dai paesi sia per il numero di abitanti (più di 20 000) che per la presenza dei servizi di cui si ha bisogno (scuole, ospedali, negozi di tutti i tipi ecc.). Le parole della geografia Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / 美索不达米亚 / بلاد الرافدينÈ l’antica regione situata tra i fiumi Tigri ed Eufrate. Il nome Mesopotamia deriva dal greco mésos, “in mezzo”, e potamós, “fiume”. Lavoriamo insieme Il paesaggio urbanoOsserva la tavola sul paesaggio urbano, leggi attentamente le didascalie e rispondi alle domande che seguono.1. In quale parte della città si trova, in genere, una zona industriale? 2. Che cosa si può trovare in un quartiere residenziale? 3. Che cosa è la periferia? 4. Che cosa è un’isola pedonale? 5. Che cosa sono le case popolari? 6. Che cosa è il centro storico di una città? 7. Che cosa è un centro commerciale?1 Zona industriale: area destinata alle fabbriche, solitamente periferica o appena fuori dalla città, ben servita dai mezzi di comunicazione.2 Quartiere residenziale: zona della città che ospita essenzialmente abitazioni e non attività industriali. In genere vi si trovano giardini pubblici, viali, centri sportivi e altre strutture destinate a rendere piacevoli l’ambiente e la vita degli abitanti.3 Periferia: è la zona più esterna della città, dove è possibile trovare estensioni di terreno più ampie e a costi inferiori rispetto al centro.4 Isola pedonale: zona riservata ai pedoni, cui non possono accedere le automobili.5 Case popolari: case fatte costruire dal comune o dallo Stato per soddisfare le esigenze abitative delle famiglie più povere.6 Centro storico: la parte centrale e più antica delle città, che di solito conserva i monumenti e i resti del passato.7 Centro commerciale: insieme di edifici (supermercati, negozi, ristoranti ecc.) concentrati in un’area solitamente posta in periferia.
Caratteri generali delle città UNITÀ 7 - Dove vivono gli europei L’origine delle città Più del 70% degli europei vive in città e il nostro continente è caratterizzato da una straordinaria diffusione di centri urbani. (1) Le città però non nacquero in Europa. Sorsero in Medio Oriente, circa 10 000 anni fa. Circa 5000 anni fa, invece, si svilupparono delle grandi civiltà guidate da città, le civiltà urbane. Ciò avvenne in Asia e in Africa settentrionale, in regioni lontane ma tutte attraversate da grandi fiumi: il Tigri e l’Eufrate in Mesopotamia, l’Indo nella regione indiana e il Fiume Azzurro in Cina. (2) In Europa, la civiltà urbana si sviluppò in Grecia circa 4000 anni fa, ma si diffuse nel continente solo 2700 anni fa con la fondazione di centri lungo le coste del Mediterraneo da parte di Fenici e Greci, e poi da parte degli Etruschi. Le città infine si affermarono con la civiltà romana (da 2500 a 1500 anni fa circa): i Romani fondarono, in gran parte dell’Europa, molte città che conservano ancora oggi resti dell’epoca. Fino all’inizio del XIX secolo, però, i centri urbani ospitavano una piccola percentuale della popolazione. Nell’Ottocento si ebbe invece un grande sviluppo delle città. Nel giro di pochi decenni alcune città, come Londra e Parigi, raddoppiarono la popolazione e assunsero struttura e funzioni completamente nuove, a causa della nascita delle industrie. (3) Che cos’è una città?Per convenzione oggi si considerano città i centri urbani in cui vivono più di 20 000 persone; se il numero degli abitanti è inferiore si parla di paesi. Ma la città si differenzia dai paesi non tanto per il numero degli abitanti, quanto perché nella città ci sono tutti i servizi di cui le persone hanno bisogno, come scuole, università e ospedali. Sono presenti, inoltre, negozi di tutti i tipi e locali per trascorrere il tempo libero (cinema, teatri, centri sportivi). (4) La città di Dublino, in Irlanda, in una stampa del 1882. Quali sono le funzioni della città? Una città esiste perché risponde alle esigenze dei suoi abitanti, svolgendo alcune funzioni fondamentali. Innanzitutto la città garantisce ai cittadini gli spazi in cui abitare, ha cioè una funzione abitativa. Le abitazioni più lussuose si trovano generalmente nelle zone centrali, nei quartieri residenziali. Nei quartieri periferici ci sono, invece, le case popolari destinate alle famiglie meno abbienti. Le città in cui sorgono industrie svolgono una prevalente funzione produttiva. Negli ultimi decenni la costante crescita del settore terziario ha ridimensionato questa funzione: ormai, infatti, nelle città si trovano soprattutto negozi, supermercati, banche, agenzie, studi professionali ecc. La presenza di una stazione ferroviaria, di un porto o di un aeroporto facilita le attività commerciali, la fornitura di merci e di servizi: se queste attività prevalgono la città svolge una funzione finanziaria e commerciale. Invece la capitale dello Stato svolge prevalentemente una funzione politicoamministrativa, perché vi hanno sede degli organi politici e della pubblica amministrazione. A Roma, ad esempio, si trovano il Presidente della Repubblica, il Governo con i relativi ministeri, il Parlamento e gli uffici collegati. Fissa i concetti 1. Il 70% degli europei vive nelle città e l’Europa è caratterizzata da una grande diffusione di centri urbani.2. Le città nacquero, però, in Medio Oriente 10 000 anni fa, e 5000 anni fa si svilupparono le civiltà urbane nelle zone dei grandi fiumi (in Mesopotamia, nella regione dell’Indo in India e del Fiume Azzurro in Cina).3. Le città, però, ospitavano una piccola parte della popolazione: fu con la nascita delle industrie che le città aumentarono sensibilmente la popolazione.4. Le città si differenziano dai paesi sia per il numero di abitanti (più di 20 000) che per la presenza dei servizi di cui si ha bisogno (scuole, ospedali, negozi di tutti i tipi ecc.). Le parole della geografia Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / Mesopotamia / 美索不达米亚 / بلاد الرافدينÈ l’antica regione situata tra i fiumi Tigri ed Eufrate. Il nome Mesopotamia deriva dal greco mésos, “in mezzo”, e potamós, “fiume”. Lavoriamo insieme Il paesaggio urbanoOsserva la tavola sul paesaggio urbano, leggi attentamente le didascalie e rispondi alle domande che seguono.1. In quale parte della città si trova, in genere, una zona industriale? 2. Che cosa si può trovare in un quartiere residenziale? 3. Che cosa è la periferia? 4. Che cosa è un’isola pedonale? 5. Che cosa sono le case popolari? 6. Che cosa è il centro storico di una città? 7. Che cosa è un centro commerciale?1 Zona industriale: area destinata alle fabbriche, solitamente periferica o appena fuori dalla città, ben servita dai mezzi di comunicazione.2 Quartiere residenziale: zona della città che ospita essenzialmente abitazioni e non attività industriali. In genere vi si trovano giardini pubblici, viali, centri sportivi e altre strutture destinate a rendere piacevoli l’ambiente e la vita degli abitanti.3 Periferia: è la zona più esterna della città, dove è possibile trovare estensioni di terreno più ampie e a costi inferiori rispetto al centro.4 Isola pedonale: zona riservata ai pedoni, cui non possono accedere le automobili.5 Case popolari: case fatte costruire dal comune o dallo Stato per soddisfare le esigenze abitative delle famiglie più povere.6 Centro storico: la parte centrale e più antica delle città, che di solito conserva i monumenti e i resti del passato.7 Centro commerciale: insieme di edifici (supermercati, negozi, ristoranti ecc.) concentrati in un’area solitamente posta in periferia.