6. La popolazione europea

Uno sguardo d’insieme UNITÀ 6 La popolazione europea 1 2000 anni fa in Europa c’erano 30 milioni di persone. Diventano 140 milioni a metà del Settecento. Crescono sino a 390 milioni nel 1900 e a 728 milioni nel 2000, grazie al miglioramento delle condizioni di vita e alla diminuzione della mortalità infantile. 2 Per tutta la sua storia l’Europa è attraversata da flussi migratori. In tutte le epoche ci sono persone spinte a emigrare dalla povertà, dalle guerre, dalle persecuzioni politiche e religiose o dalle discriminazioni razziali. Anche gli italiani sono costretti a emigrare all’estero, soprattutto dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento. 3 In Italia, dal 1993 il numero dei morti è maggiore di quello dei nati; ciononostante la popolazione non è diminuita grazie al fenomeno dell’immigrazione, iniziato negli anni Ottanta del XX secolo. La popolazione, però, sta invecchiando: nel 2040 un italiano su tre avrà più di 65 anni. 4 In Europa ci sono più lingue che Stati: in molti Paesi, infatti, vivono delle minoranze linguistiche, cioè delle persone che parlano una lingua diversa da quella ufficiale dello Stato. 5 La religione cristiana, seppur suddivisa in cattolica, protestante e ortodossa, è la più diffusa in Europa. Sono anche molto diffusi l’islamismo e l’ebraismo; sono in crescita gli atei, cioè le persone che non credono in Dio.
Uno sguardo d’insieme UNITÀ 6 La popolazione europea 1 2000 anni fa in Europa c’erano 30 milioni di persone. Diventano 140 milioni a metà del Settecento. Crescono sino a 390 milioni nel 1900 e a 728 milioni nel 2000, grazie al miglioramento delle condizioni di vita e alla diminuzione della mortalità infantile. 2 Per tutta la sua storia l’Europa è attraversata da flussi migratori. In tutte le epoche ci sono persone spinte a emigrare dalla povertà, dalle guerre, dalle persecuzioni politiche e religiose o dalle discriminazioni razziali. Anche gli italiani sono costretti a emigrare all’estero, soprattutto dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento. 3 In Italia, dal 1993 il numero dei morti è maggiore di quello dei nati; ciononostante la popolazione non è diminuita grazie al fenomeno dell’immigrazione, iniziato negli anni Ottanta del XX secolo. La popolazione, però, sta invecchiando: nel 2040 un italiano su tre avrà più di 65 anni. 4 In Europa ci sono più lingue che Stati: in molti Paesi, infatti, vivono delle minoranze linguistiche, cioè delle persone che parlano una lingua diversa da quella ufficiale dello Stato. 5 La religione cristiana, seppur suddivisa in cattolica, protestante e ortodossa, è la più diffusa in Europa. Sono anche molto diffusi l’islamismo e l’ebraismo; sono in crescita gli atei, cioè le persone che non credono in Dio.