Paesaggi: Mediterraneo

Paesaggi Le case bianche mediterranee In molti villaggi che si affacciano sul Mediterraneo è ancora viva la tradizione di dipingere le case di bianco. Case imbiancate si trovano in Puglia, in Sicilia, ma anche in Grecia, in Croazia e in Andalusia (Spagna). L’antica usanza di imbiancare gli edifici ha due motivazioni: la prima sta nel fatto che le materie prime (la calce) sono facili da trovare e a basso costo; la seconda che il bianco riflette i raggi solari, assicurando agli stretti vicoli dei centri storici luminosità, igiene e un’impressione di frescura. Gli uliveti dell’Andalusia L’Andalusia è la regione più a sud della Spagna. Vi si produce vino, ma soprattutto olio d’oliva: è circa di un milione e mezzo di ettari, infatti, la superficie coltivata a ulivo. In nessun altro posto al mondo si producono così tante olive per ricavarne olio. Gli uliveti caratterizzano fortemente il paesaggio andaluso e rappresentano la principale forma di reddito di molti paesi agricoli. La coltura dell’ulivo arriva a influenzare la cultura, l’architettura, le tradizioni e gli usi della popolazione locale. Le grandi città del Mediterraneo Molte sono le città popolose nate, cresciute e sviluppate sul Mar Mediterraneo: Barcellona, Marsiglia, Genova, Napoli, Palermo, Atene, Istanbul, Beirut, Alessandria d’Egitto, Tripoli, Tunisi, Algeri. Sono grandi città, in alcuni casi vere e proprie metropoli (Istanbul ha circa 15 milioni di abitanti!), in cui il porto diventa il nodo principale di tutte le attività, luogo da cui partono e arrivano merci e persone. La storia sul Mediterraneo Tutte le città sul Mediterraneo hanno legato la propria storia al mare, a partire dalla loro nascita. Nacquero infatti nei golfi e nelle insenature protette da colline e promontori (come Genova o Atene), vicino alla foce di grandi fiumi (Alessandria d’Egitto), su terreni fertili vicini ai porti dai quali far partire i propri prodotti della terra (Napoli), in luoghi strategici dove i passaggi delle merci erano praticamente obbligati (Istanbul). Molte di esse conservano ancora ben visibili gli esempi della loro antica ricchezza, come nel caso dell’Acropoli di Atene, che dominava la vista del mare.
Paesaggi Le case bianche mediterranee In molti villaggi che si affacciano sul Mediterraneo è ancora viva la tradizione di dipingere le case di bianco. Case imbiancate si trovano in Puglia, in Sicilia, ma anche in Grecia, in Croazia e in Andalusia (Spagna). L’antica usanza di imbiancare gli edifici ha due motivazioni: la prima sta nel fatto che le materie prime (la calce) sono facili da trovare e a basso costo; la seconda che il bianco riflette i raggi solari, assicurando agli stretti vicoli dei centri storici luminosità, igiene e un’impressione di frescura. Gli uliveti dell’Andalusia L’Andalusia è la regione più a sud della Spagna. Vi si produce vino, ma soprattutto olio d’oliva: è circa di un milione e mezzo di ettari, infatti, la superficie coltivata a ulivo. In nessun altro posto al mondo si producono così tante olive per ricavarne olio. Gli uliveti caratterizzano fortemente il paesaggio andaluso e rappresentano la principale forma di reddito di molti paesi agricoli. La coltura dell’ulivo arriva a influenzare la cultura, l’architettura, le tradizioni e gli usi della popolazione locale. Le grandi città del Mediterraneo Molte sono le città popolose nate, cresciute e sviluppate sul Mar Mediterraneo: Barcellona, Marsiglia, Genova, Napoli, Palermo, Atene, Istanbul, Beirut, Alessandria d’Egitto, Tripoli, Tunisi, Algeri. Sono grandi città, in alcuni casi vere e proprie metropoli (Istanbul ha circa 15 milioni di abitanti!), in cui il porto diventa il nodo principale di tutte le attività, luogo da cui partono e arrivano merci e persone. La storia sul Mediterraneo Tutte le città sul Mediterraneo hanno legato la propria storia al mare, a partire dalla loro nascita. Nacquero infatti nei golfi e nelle insenature protette da colline e promontori (come Genova o Atene), vicino alla foce di grandi fiumi (Alessandria d’Egitto), su terreni fertili vicini ai porti dai quali far partire i propri prodotti della terra (Napoli), in luoghi strategici dove i passaggi delle merci erano praticamente obbligati (Istanbul). Molte di esse conservano ancora ben visibili gli esempi della loro antica ricchezza, come nel caso dell’Acropoli di Atene, che dominava la vista del mare.